De Rossi, la prima è ok: Roma-Verona 2-1. Ma Mourinho è ancora protagonista

ROMA – Inizia con un successo e con qualche brivido nel finale l’avventura di Daniele De Rossi sulla panchina della Roma: Lukaku e Pellegrini firmano il 2-1 contro il Verona nel 21° turno di Serie A. Buona la prima dell’ex centrocampista giallorosso chiamato al difficile compito di sostiutire José Mourinho dopo l’esonero deciso dalla società. Tre punti preziosi in chiave Champions arrivati in un Olimpico che ha accolto con calore e striscioni il nuovo tecnico non dimenticando lo Special One, al quale sono stati riservati molti cori e ringraziamenti da parte del pubblico romanista. Risultato deciso nel primo tempo: le reti dell’attaccante belga e del capitano della Roma mandano ko la formazione di Baroni che resta inchiodata al terzultimo posto in classifica pur reagendo nell’ultimo quarto d’ora con la rete di Folorunsho arrivata dopo un penalty fallito da Djuric.

Serie A, la classifica

Roma-Verona, la partita

Parte bene la Roma che all’8′ sfiora il gol con Lukaku, gli ospiti rispondono con Suslov che al 17′ impegna Rui Patricio dalla distanza. Al 19′ si sblocca la gara: discesa di El Shaarawy nella difesa scaligera, assist per Lukaku che a porta quasi vuota non sbaglia un rigore in movimento che vale l’1-0. Passano 6′ e su cross di Big Rom è disastroso il tentativo di rinvio della difesa scaligera con Pellegrini che raccoglie in area e di sinistro infila sotto la traversa. Con il doppio vantaggio i padroni di casa amministrano, ma al 64′ è ghiotta l’occasione per l’Hellas con tocco di mano di Llorente che porta Djuric sul dischetto: destro potente che termina oltre la traversa lasciando il risultato invariato. Il Verona non si abbatte e al 76′ riesce a ridurre lo svantaggio con una traiettoria insidiosa dalla distanza di Folorunsho che inganna Rui Patricio non perfetto sulla respinta. Continua il forcing gialloblù, ma la difesa giallorossa resiste e De Rossi può festeggiare la sua prima vittoria alla guida della Roma che torna a vincere dopo tre giornate.

Precedente Udinese, Cioffi: "Thauvin si sta ritagliando un ruolo importante. Ecco perché ho tolto Lucca" Successivo Parate, assist e punti in classifica: il peso di Maignan in questo Milan