De Rossi e l’amore Roma: “Come stanno Dybala e Spinazzola. Pellegrini…”

Buona la prima per Daniele De Rossi. Il nuovo tecnico della Roma si è imposto con il risultato di 2-1 sul Verona all’esordio sulla panchina dei giallorossi. Al termine della sfida l’allenatore si è presentato ai microfoni per commentare la prestazione della sua squadra: “Buon risultato. Qui ho una veste diversa, da una parte c’è grandissima emozione e dall’altra tensione perchè ho un lavoro da fare. Ho cercato di conciliare le cose e ringraziare i tifosi a fine partita. Il primo tempo mi è piaciuto molto, se la stessa cosa la fai lenta poi diventa dura perchè diventi prevedibile. Per loro poi è stato più facile venire a pressarci. Spinazzola e Dybala? Paulo già da prima della partita sentiva qualcosina, ha detto che non è niente ma si sente un po’ indolenzito e non libero di spingere. Forse abbiamo anche caricato un po’ troppo noi in allenamento. Leonardo qualcosa si è fatto, ma niente di gravissimo“.

De Rossi: “Pellegrini deve ritrovare continuità”

Il tecnico giallorosso ha proseguito: “Penso che sia importante avere il dominio e la gestione della palla. Se vai piano con il possesso palla ti ammazzano. Se lo fai veloce con l’idea di superare la pressione, con i giocatori che abbiamo, ci divertiremo. Il saluto alla fine? Uno dei momenti che entreranno nell’album dei ricordi della mia carriera. Tanti anni fa ho detto che se avessi avuto due carriere le avrei donate entrambe alla Roma. Ora la seconda mi è stata donata, io me la devo godere e lavorare al 100%. Sulle mie spalle c’è l’amore di questa gente che non mi fa mai scordare che siamo stati insieme 20 anni“. Infine, sulle ultime sensazioni e su Pellegrini: “Dobbiamo festeggiare ed essere contenti, la cosa positiva è che anche non giocando bene abbiamo lottato spendendo tanto. I giocatori hanno dimostrato di tenerci. Pellegrini è uno dei giocatori più importanti che abbiamo, deve ritrovare la continuità delle partite“.

Precedente Supercoppa Italiana, l'arbitro di Napoli-Inter sarà Rapuano: la designazione Successivo De Laurentiis non risponde su Osimhen: "Va rivisto il calcio. Sul resto non mi va di parlare"