De Laurentiis sul nuovo stadio: “Punterò sul Maradona, sempre se…”

Nel corso della conferenza stampa fiume in scena a Posillipo, nella meravigliosa cornice di Palazzo Petrucci, il presidente Aurelio De Laurentiis ha avuto modo di parlare di presente e futuro del Napoli, toccando anche il tema nuovo stadio. Dalle problematiche che accompagnano l’ipotesi Bagnoli alla possibile ristrutturazione dello “Stadio Diego Armando Maradona“, fino al mancato confronto con il Sindaco Gaetano Manfredi.

Nuovo Stadio Napoli, De Laurentiis: “Punterò sul Maradona, sempre che Manfredi…”

A margine della conferenza stampa di presentazione dei due ritiri estivi, che vedranno protagonista il Napoli a Dimaro e Castel di Sangro la prossima estate, Aurelio De Laurentiis è tornato sulla questione legata all’idea nuovo stadio, facendo dietrofront sull’ipotesi Bagnoli e non risparmiando frecciate al Sindaco Manfredi: “Io sono stato un sostenitore di Bagnoli. Mentre il primo cittadino pensa al 2032, io devo pensare ad essere forte nell’immediatezza. Mi sono fatto una serie di interrogazioni e di analisi e mi sono detto: chi te lo fa fare? Di andare in un territorio in cui ti dicono 14 mesi, 18 mesi, per due parcelle… Poi ci si mettono il resto degli altri 185 ettari, dove preventivano circa 5 anni. Noi ci andiamo a immettere in un contesto che diventa un bordello totale, con ruspe, macchinari, camion, avanti e indietro vari. Se poi – ha aggiunto il patron del club partenopeo – c’è un bradisismo tale e per sgombrare 50.000 persone da uno stadio succede il putiferio… Mi sono messo l’anima in pace e proprio oggi ho chiamato i miei architetti e ho detto: io voglio metterci non più di 2 anni una volta che potrò mettere mano all’ex San Paolo, oggi Maradona. Ho dato un input mentre venivo qui, essendo semplificatore anche per i nostri amici politici. Punterò sul Maradona, sempre che il Sindaco Manfredi non faccia promesse da marinaio… Anche perché questo Sindaco non c’è mai”, ha precisato De Laurentiis.

SEGUI LA CONFERENZA STAMPA LIVE


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Giro d’Italia, impresa d’altri tempi di Alaphilippe dopo 140 km di fuga con Maestri. Pogacar sempre in rosa Successivo Gatti, pazza gioia Juve: strappa la giacca a Giuntoli dopo la Coppa Italia

Lascia un commento