De Laurentiis su Spalletti: “Futuro a Napoli? La moglie vive a Milano”

NAPOLI – “Spalletti ha preso casa a Napoli? No. Lui deve sentire Partenope nella sua anima. Se sente questa anima tinta di azzurro non potrà farne a meno anche il prossimo anno sia da allenatore, ruolo in cui è formidabile, sia da uomo, che è serio“. Sono le parole di Aurelio De Laurentiis sul futuro di Luciano Spalletti in una conferenza stampa nella sede del Comune di Napoli per delle sculture in ricordo di Maradona.

Le parole di De Laurentiis

Il presidente del club azzurro ha poi aggiunto: “Da allenatore l’ho preso per due anni con l’opzione del terzo a mia decisione. Lo abbiamo lasciato lavorare e ambientare, io per otto mesi non ho fatto dichiarazioni, perché dovevo conoscerlo. Lui ha figli grandi ma ha una bimba di dieci anni e la moglie che vivono a Milano e non sempre la situazione è facile. Non esiste solo il calcio ma anche i problemi familiari. Vedremo“.

De Laurentiis sul mercato e sui ko del Napoli

Sul mercato: “Me lo immagino aperto, perché per la prima volta dopo il Covid ci sarà tanta voglia di fare, di mutare, di cambiare, quindi io credo che sarà un mercato estremamente brillante“. Poi, sul calo del Napoli che ha perso il treno dello scudetto nel finale di stagione: “Io penso spesso che devo spostare la Filmauro a Napoli. Devo stare a Napoli due volte a settimana per intervenire. Ho visto in quelle tre partite da un punto delle defaillances della squadra partire da un reparto o da un calciatore o anche da una situazione che parte da problemi nell’allenamento. Io ricordo a tutti che ogni allenamento al giorno ha a che fare con il calcio ma anche con le vite private dei calciatori, dello staff del tecnico. Ognuno ha le proprie famiglie e altre cose a cui pensa“.

Napoli, le big di Spagna monitorano Fabian Ruiz

Guarda il video

Napoli, le big di Spagna monitorano Fabian Ruiz

Precedente Mondiali 2022, Brasile-Argentina si giocherà: respinto il ricorso Successivo Sabatini infuriato dopo Salernitana Cagliari/ "Recupero di 10 minuti? Una vergogna"

Lascia un commento