De Laurentiis deve sistemare i conti. Per il Napoli e per la Filmauro

Il taglio agli stipendi e l’autosufficienza guidano le scelte del patron, dopo i 78 milioni persi negli ultimi due anni. Un equilibrio fondamentale per l’intero business: il calcio rappresenta il 92% del giro d’affari della holding

All’inizio di questa stagione Aurelio De Laurentiis aveva lanciato l’allarme: “Il budget va rivisto, sennò falliamo”. Parole forti, forse troppo per una delle società di Serie A meno indebitate. Ma il patron del Napoli voleva trasmettere tutta la preoccupazione per una fase, quella dell’emergenza pandemica, che ha profondamente scosso le traballanti fondamenta dell’industria calcistica italiana.

Precedente Calciomercato Inter, l’agente di Zapata: “Può succedere di tutto. Se chiameranno ascolteremo le proposte” Successivo Lewandowski-Bayern, Salihamidzic conferma: "Sarà addio"

Lascia un commento