Danilo svela il colloquio con Buffon: “Cosa mi ha detto prima della finale”

I momenti di difficoltà sono di insegnamento. Abbiamo imparato velocemente per questa partita. Abbiamo avuto tanti alti e bassi, tanti momenti difficili, due giorni fa è arrivato un pareggio allo Stadium che non ci voleva, che aveva deluso i nostri tifosi. Ma oggi abbiamo avuto la soddisfazione e la bravura di vincere la Coppa, che portiamo al museo della Juventus, è un piccolo pezzo della storia della Juventus, che non è mai scontato“. Lo ha detto a Mediaset il difensore della Juventus, Danilo, dopo la vittoria della Coppa Italia in finale contro l’Atalanta. Il brasiliano ha poi aggiunto: “Stamattina ho sentito Gigi Buffon che è il mio idolo nel calcio, un grandissimo professore, lui mi ha parlato di una sana follia, in queste partite non c’è un prima né un dopo. I ragazzi sono stati più liberi di testa, hanno avuto coraggio, si sono butatti in avanti. Abbiamo difeso come una squadra e questo ci ha dato la soddisfazione di alzare questa coppa“.

Il commento di Danilo

Sull’episodio Allegri-Giuntoli a fine partita: “Io ho la responsabilità di guidare la squadra. Su tutto il resto non c’entro davvero nulla, non ho visto nulla. Sorriso malizioso? Anche voi siete altrettanto maliziosi. Oggi avevo la responsabilità di guidare la squadra, una gioia, abbiamo sofferto un po’“. “Le difficoltà danno molti insegnamenti. Abbiamo avuto tanti alti e bassi ultimamente però abbiamo avuto questa soddisfazione e questa bravura di portare il trofeo al museo della Juventus. Abbiamo avuto coraggio, ci siamo spinti in avanti e ottenuto questa vittoria. Dovevamo stare attenti ai dettagli, l’attenzione e la cattiveria erano quelle giuste e ci hanno portato la Coppa Italia” sono invece le parole del brasiliano riportate sul sito della Juve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente La Juve torna a vincere: ecco l’eredità di Allegri Successivo McKennie e Chiara Frattesi allo scoperto dopo la vittoria della Juve: è amore

Lascia un commento