Danilo: “La gara con lo Zenit arriva nel momento giusto”

Il brasiliano, fra i senatori della Juve, condivide la scelta del ritiro: “Capiamo tutti il momento che stiamo vivendo, ci sta di stare un po’ di tempo insieme per capire cosa sta succedendo”

Parla Danilo alla vigilia del match di Champions con lo Zenit, uno dei nuovi senatori della Juve dell’Allegri 2.0. È anche il primo giorno di ritiro, non punitivo ma pur sempre ritiro. Un lungo momento di riflessione fino a sabato per guardarsi dentro, tutti insieme, e capire come tirarsi fuori da uno dei periodi più bui della storia recente del club. “Capiamo tutti il momento che stiamo vivendo, ci sta di stare un po’ di tempo insieme per capire cosa sta succedendo”, spiega il difensore brasiliano. “Questa gara arriva nel momento giusto, vogliamo diventare lineari tra campionato e Champions. Sarà un match difficile, da affrontare nel modo migliore possibile”. Squadra unita? “Sì, siamo tutti ormai concentrati negli stessi obiettivi”.

RESTART

—  

Un pensiero alla volta: “Puntiamo a vincere con lo Zenit, poi penseremo alla prossima gara di campionato”. Senza mettere da parte le ambizioni: “La Champions League dev’essere un obiettivo, abbiamo la qualità e l’esperienza necessarie, dobbiamo crederci”. Cosa non va: “In questo momento prendiamo troppi gol, è vero. Ma fino all’Inter eravamo riusciti a fare un filotto senza prendere gol, dobbiamo ripartire da lì. La cattiveria c’è, dobbiamo solo rialzarci e difendere come se fosse una finale quando non abbiamo la palla”. Testa sul proprio percorso, insomma: “Con il mister e la squadra stiamo cercando di costruire una linea coerente, senza differenza tra campionato e Champions League. È proprio questo il passo in avanti che dobbiamo fare per rialzarci e migliorare”. Terzo allenatore in tre stagioni? “Ci vuole sempre un po’ di tempo quando avvengono dei cambiamenti, per capire bene le nuove richieste. Ora vogliamo solo risolvere prima possibile tutti i problemi e stare sereni per ripartire”.

Precedente Inter, stop al turnover. Contro Sheriff e Milan con la stessa formazione. O quasi Successivo Il Pisa frena ancora, Brescia e Lecce incalzano. Risale il Parma

Lascia un commento