Danilo: “Juve, dobbiamo essere arroganti. A partire dalla gara col Real”

Il brasiliano parla da ex e spiega il lavoro fatto dai bianconeri negli Usa: “Abbiamo lavorato sul gioco, sul fisico e sull’approccio mentale. Dobbiamo tornare a dominare”

“Sarà una bella partita, contro il Real, emozionante anche per me, che ho trascorso a Madrid due anni. Stiamo lavorando bene in questi giorni, sperimentando nuove situazioni di gioco”: così Danilo dopo l’allenamento di ieri alla Loyola Marymount University di Los Angeles, in vista della terza e ultima amichevole della tourné americana, in programma nella notte italiana fra sabato e domenica. Il brasiliano, che ha giocato nel Real Madrid fra il 2015 e il 2017, con la squadra spagnola ha vinto, fra gli altri trofei, anche uno scudetto e due Champions League.

Lavoro mentale

—  

Danilo ha poi fatto il punto non solo sulla tournée bianconera e sull’avvicinamento alla sfida di sabato col Real, ma anche sulle attese sue e del gruppo per la stagione in arrivo: “In questi giorni stiamo lavorando anche su quella che deve essere, in senso positivo, la nostra arroganza, nell’essere sempre propositivi e nell’aver voglia di comandare il gioco”. La Juve vuol dunque tornare dominante, oltre che vincente.

Focus

—  

Questo perché l’obiettivo stabilito per la prossima stagione è già delineato, come spiegato anche da Allegri nella prima conferenza stampa, quando ha parlato di “dovere di vincere”: “Il nostro focus sarà tornare alla vittoria – ha detto Danilo -. E questo si consegue solo lavorando in campo, sulla parte fisica, atletica, tecnica ma anche mentale, tenendo i piedi ben piantati per terra e affrontando tutte le partite con la stessa mentalità”. A partire da quella col Real: “Abbiamo fatto un buon lavoro in questi giorni; qui in America è stato bellissimo, dobbiamo ringraziare i tifosi per la splendida accoglienza”.

Precedente Il tecnico del Monterrey ridimensiona Alves: "È forte sì, ma non è più giovane!" Successivo Milan, De Ketelaere è vicinissimo: affare in chiusura. E quella telefonata dell’agente a Ibra…

Lascia un commento