Danilo ha la ricetta per la nuova Juve: “Dobbiamo tornare ad essere arroganti”

Giunto alla sua quarta stagione alla Juventus, Danilo è ormai un punto di riferimento importante all’interno dello spogliatoio bianconero. Apprezzato da Maurizio Sarri e Andrea Pirlo, il jolly difensivo brasiliano ha trovato la propria consacrazione alla Juve nel primo anno dell’Allegri bis, giocando spesso e in vari ruoli, aspetto che denota la fiducia del tecnico livornese nei confronti del nazionale brasiliano.

Juve, ottimismo Danilo: “Negli Usa tournée molto proficua”

Esterno difensivo a destra e a sinistra, centrale a tre o a quattro, ma anche in qualche occasione centrocampista. Con questa duttilità e in una stagione così compressa è facile immaginare che anche quest’anno Danilo giocherà tante partite, ma intanto il giocatore, intervistato dal sito ufficiale della Juventus, ha fatto il punto sulle prime settimane di lavoro e dopo le prime amichevoli, con il campionato ormai alle porte: “Abbiamo fatto un buon lavoro in questi giorni; qui in America è stato bellissimo, dobbiamo ringraziare i fans per la splendida accoglienza. Stiamo lavorando bene in questi giorni, sperimentando nuove situazioni di gioco“.

La nuova Juve di Allegri con Bremer, Pogba e Di Maria

Guarda la gallery

La nuova Juve di Allegri con Bremer, Pogba e Di Maria

“Sfidare il Real Madrid sarà un’emozione speciale”

Nella scorsa stagione Danilo ha provato anche l’emozione di indossare la fascia da capitano della Juventus, nella partita di Coppa Italia contro la Fiorentina. E a proposito di emozioni lo sarà anche sfidare il Real Madrid, dove il brasiliano h a giocato tra il e il nell’amichevole che chiuderà la tournée della Juve negli Usa: “Sarà una bella partita, contro il Real, emozionante anche per me, che ho trascorso a Madrid due anni“.

Danilo carica la Juve: “Dobbiamo tornare a comandare il gioco”

Da leader dello spogliatoio Danilo ha anche sottolineato una qualità che la Juve dovrà ritrovare per tornare a lottare per il vertice: “Quest’anno vogliamo tornare a vincere e questo obiettivo si consegue solo lavorando in campo, sulla parte fisica, atletica, tecnica ma anche mentale, tenendo i piedi ben piantati per terra e affrontando tutte le partite con la stessa mentalità. In queste settimane stiamo lavorando anche su quella che deve essere, in senso positivo, la nostra arroganza, essere sempre propositivi e voler comandare il gioco“.

Juventus, rebus attacco: Werner, Morata o Firmino?

Guarda il video

Juventus, rebus attacco: Werner, Morata o Firmino?

Precedente Mourinho, tappa a Gerusalemme: visita al Muro del Pianto VIDEO Successivo Ronaldo e la voglia di Champions: lo United non cede. E rispunta lo Sporting

Lascia un commento