Danilo fuori gioco, fasce nuove e Chiellini al commiato: la Juve anti- Lazio

De Sciglio e Pellegrini pronti per un posto da titolare, staffetta Bonucci-De Ligt per il posto accanto al capitano nella sua ultima partita allo Stadium. Dopo i due giorni di stop post-coppa Italia, tanti nodi ancora tra centrocampo e attacco

Se è vero che il terzo posto appare ormai lontano, la Juve contro la Lazio non vuole certo peggiorare il record negativo di sconfitte stagionali all’Allianz Stadium. Il popolo bianconero prepara la festa per salutare Chiellini, all’ultima gara casalinga con la maglia della Vecchia Signora dopo diciassette anni. Come lui, anche Dybala sarà all’ultimo ballo sotto la Mole. Ed è probabile che la lista degli addii si faccia più lunga nelle prossime settimane. Allegri ha concesso un paio di giorni di libertà per scaricare le scorie post Coppa Italia, l’ultima settimana della stagione si dovrà vivere con leggerezza, e con la giusta rabbia da trasformare in energia positiva già all’inizio del prossimo campionato.

VERSO LA LAZIO

—  

Danilo è out, dopo l’uscita di scena contro l’Inter già al primo tempo. Szczesny si riprenderà il suo posto da titolare tra i pali, come De Sciglio sulla fascia destra e Pellegrini sul versante mancino. Bonucci e De Ligt faranno probabilmente la staffetta accanto a Chiellini, mentre a centrocampo bisognerà sciogliere i soliti nodi: Miretti dovrebbe ancora trovare minuti in massima serie, Locatelli farà al massimo uno spezzone finale, Arthur potrebbe avere una chance dall’inizio in caso di mediana a tre con Rabiot e Zakaria. Bernardeschi, più che Cuadrado non al meglio, potrebbe invece supportare l’attacco: con Morata stavolta favorito sugli altri per giocare insieme a Vlahovic, ma Kean e Dybala ancora in corsa per far cambiare idea ad Allegri. In caso di 4-2-3-1 ci sarà invece spazio per un attaccante in più: e in questo caso l’argentino avrebbe maggiori possibilità per una maglia da titolare per la terza gara consecutiva.

Precedente Tutti i segreti di David, il centravanti che ha fatto innamorare Maldini Successivo Bologna, Arnautovic insegue il record di Signori: 180' per superarlo

Lascia un commento