Dalla Svezia: Ibra accusato di aver ucciso un leone dieci anni fa

Ibrahimovic, attaccante del Milan, è accusato in Svezia di aver ucciso un leone in Sudafrica durante una battuta di caccia nel 2011, nonostante sia specie a rischio. La polemica è stata ripresa anche in Inghilterra

Più volte Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, si è definito un leone. Eppure, le accuse che arrivano non sono proprio in linea: lo svedese classe 1981 è infatti accusato di aver sparato a un leone in Sudafrica nel 2011 e di aver poi importato in Svezia la mascella, il cranio e la pelle come trofeo. Una situazione che, ovviamente, ha esposto Ibrahimovic a diverse critiche nel proprio Paese. Sembra, secondo quanto riportato da Expressen, che Ibra avesse ottenuto una licenza di caccia e che, meno di un anno dopo, abbia appunto sparato a un esemplare maschio, uccidendolo.

I leoni sono stati ufficialmente classificati come “vulnerabili” nella lista delle specie minacciate. Tuttavia, la caccia ai leoni in Sudafrica è legale, a patto che siano stati concessi i permessi corretti. Secondo il media svedese, sono 82 i cacciatori svedesi che hanno cercato di portare a casa un trofeo, tra cui Ibrahimovic, che ci è riuscito. Sembra che il leone a cui ha sparato Ibra abbia trascorso più di un anno in un recinto prima di essere rilasciato. Dopodiché, elementi della sua carcassa sono stati spediti a Malmo. Il quotidiano svedese ha contattato Ibra per un commento, ma non ha ricevuto risposta.

Ibra più volte ha usato i leoni come simbolo e ha anche un enorme tatuaggio dietro la schiena con un leone ruggente. Si dice che coloro che effettuano la caccia scelgano animali di prima categoria, come un leone, quando si dirigono verso i safari. Ci sono diverse organizzazioni in Sudafrica che forniscono l’esperienza per chi possa permetterselo e viene dall’estero.

La caccia “in scatola”, ovvero con un animale collocato in un’area chiusa e senza possibilità di fuga, è vietata in Sudafrica, ma è consentita quella ai leoni allevati in cattività. Un rapporto del Fondo internazionale per il benessere degli animali afferma che tra il 2004 e il 2014, 1,7 milioni di animali sono stati uccisi per averli come trofeo. Intanto Ibrahimovic è pronto a firmare il prossimo rinnovo con il Milan: ecco quando >>>

Precedente Gigio e Calhanoglu, uno stallo pericoloso: il Milan può fare a meno di loro? Successivo Mariani arbitrerà Juve-Napoli, a Irrati Inter-Sassuolo

Lascia un commento