Dalla Lanerossi ai gelati sui pantaloncini, quando il logo era vietato

Le sponsorizzazioni di maglia sono state sdoganate definitivamente all’inizio degli anni Ottanta, ponendo fine a espedienti e contenziosi

In passato erano senza scritte, oggi le maglie dei calciatori non hanno più un angolo vuoto. I nomi dei partner commerciali sono ovunque sulle casacche, tanto che il concetto di unico sponsor di maglia non è più in voga, tanti sono i loghi coinvolti nell’operazione.

Precedente Danjuma come Benzema: dopo la ventosaterapia è pronto per Atalanta-Villarreal Successivo Sponsor di maglia: Juve prima, poi Fiorentina e Inter. Ecco tutte le cifre della Serie A