Dalla fascia al centro, è tutto un altro Mkhitaryan. Mourinho ha ritrovato un leader

Contro il Genoa, riportato per necessità nel vivo del gioco, l’armeno è tornato a fare la differenza, servendo assist e dispensando consigli a Felix. Mourinho ha ritrovato un leader

Le partite sulla fascia, o quantomeno come trequartista esterno, lo hanno provato fisicamente e mentalmente, anche perché, durante le soste, Henrikh Mkhitaryan è andato a giocare in Armenia e non si è risparmiato.

Riportato al centro del gioco, il rendimento di Micki a Genova è tornato a decollare. L’assenza dei centrocampisti sia in Coppa (manca Cristante per Covid) che in campionato (mancano sempre Cristante e Veretout) adesso lo rendono indispensabile. E lui, dopo le parole al miele di Mou che ha ricordato quanto sia importante per la Roma, è pronto a tornare quel leader che è sempre stato. A Genova ha tirato cinque volte in porta, un gol gli è stato annullato per il tocco di mano di Abraham e, soprattutto, è stato il giocatore da cui sono partite le azioni più pericolose. Ha mandato in porta Felix per il primo gol e dopo la partita, da giocatore esperto qual è, ha ricordato al giovane ghanese che adesso arriva il bello, ma anche il difficile.

TRA CAMPO E MERCATO Per certi versi il bello e il difficile ora arriva anche per lui. Mkhitaryan ha firmato un contratto fino al 2022 con la Roma, la sua intenzione è quella di continuare a giocare almeno per altre tre stagioni, da vedere se a Trigoria o altrove. Qualche giorno fa Mino Raiola, in merito a precisa domanda sul futuro dell’armeno, ha detto di chiedere alla Roma, per la società non è un tema imminente, visto che anche un anno fa l’accordo per il rinnovo si è trovato oltre il 30 giugno. Intanto, dopo alcune settimane di appannamento (sostituito con Cagliari e Milan all’intervallo, in panchina a Venezia), Mkhitaryan è tornato al suo livello: ha tirato, ha recuperato più palloni di tutti (10) ed è stato nel vivo della manovra come mai in questa stagione. E questa per Mourinho e la Roma è la notizia migliore.

Precedente Tottenham, Conte e l'attenzione ai dettagli: ecco l'incredibile richiesta Successivo Inzaghi: "Siamo padroni del nostro destino. Vogliamo gli ottavi di Champions"

Lascia un commento