Da Wembley a Milano, è di nuovo Italia-Spagna

Si conoscono bene, si rispettano e sono pronte all’ennesima “battaglia”. Mercoledì sera Italia e Spagna si giocano l’accesso alla finale di Nations League contro la vincente di Belgio-Francia (di giovedì). Saranno sufficienti i tempi regolamentari oppure il brivido sarà extra come a Wembley, quando si andò ai calci di rigore? Tanti gli spunti regalati da questa sfida, anche da un punto di vista statistico. Tenuto conto dei dati, poi, ognuno può scegliere autonomamente il pronostico.

Italia-Spagna, statistiche e precedenti

Per la Spagna è la rivincita della semifinale di Euro 2020, sfida terminata con il successo degli Azzurri ai calci di rigore (1-1 al termine dei tempi regolamentari, al gol di Chiesa rispose Morata a 10 minuti dal 90’). Digerito quel ko le “Furie Rosse” hanno poi reagito riuscendo a segnare sempre per prime nei successivi tre incontri (2 vittorie e 1 sconfitta). Il tutto, va detto, contro Nazionali di livello inferiore (Svezia, Georgia e Kosovo). La Spagna dunque dovrà impegnarsi a dovere per mettere in difficoltà la forte difesa dell’Italia. La Nazionale allenata da Roberto Mancini non ha mai perso nelle ultime 37 partite disputate e da 40 non subisce almeno due reti al novantesimo.

Divertiti con le partite delle Nazionali!

I risultati fatti registrare dalle due Nazionali nelle ultime 10 gare disputate parlano chiaro. Il computo degli Under/Over 2,5 è quasi in perfetto equilibrio. Il dato però non è rispecchiato dalle quote che pendono tutte dalla parte dell’Under 2,5, esito uscito in 4 degli ultimi 5 precedenti tra Italia e Spagna.

Profumo di X primo tempo

Per quanto riguarda il discorso “1X2 finale” sono gli Azzurri Campioni d’Europa in carica a partire favoriti. Per le quote comunque il possibile segno 1 dell’Italia non è così scontato e va oltre il raddoppio.
La partita si preannuncia molto equilibrata, più Under che Over 2,5, intriga il segno X al termine della prima frazione di gara.

Precedente Europeo 2024, ecco il logo. La Uefa: "Un torneo che sia per tutti" Successivo Verso Qatar 2022, ok il Marocco di Hakimi e Amrabat

Lascia un commento