Da Trap a Lippi, a volte ritornano… in bianconero

Allegri non sarebbe il primo a riprendere la panchina della Signora dopo essersene andato: i risultati della scelta, da Depetrini e Parola negli Anni 50 ai precedenti più recenti

Trapattoni e Lippi nel mirino. Tornasse sulla sella bianconera, Allegri sarebbe da legare ai grandi allenatori della storia della Juventus, non solo per la doppia gestione ma anche per il numero di trofei vinti. Max ha conquistato undici titoli nei suoi primi cinque anni a Torino, meno solo del Trap che ne ha messi in bacheca quattordici e di Lippi che ne ha consegnati alla storia tredici. Il livornese sarebbe il quinto cavallo di ritorno sulla panchina bianconera dei quarantotto coach che si sono passati il testimone fino all’attuale gestione di Pirlo.

RITORNI STORICI

—  

Il primo ritorno della storia è quello di Teobaldo Depetrini, che prima subentra all’esonerato Sandro Puppo nella stagione 1956-1957 e poi viene richiamato l’anno successivo per sostituire Ljubiša Broćić per la gran parte della stagione 1958-1959. Carlo Parola ritrova invece la Signora da allenatore tre volte, anche se solo in due periodi diversi. Nel 1959 il primo ritorno nelle nuove vesti di trainer, le prime due delle tre stagioni sono positive con la vittoria di due scudetti e due Coppe Italia (primo double nella storia del club nella stagione 1959-60); il rapporto viene però interrotto sul finale del secondo campionato (incomprensioni con la dirigenza) e ripreso a inizio della stagione successiva, e qui i risultati saranno piuttosto deludenti. L’altra chiamata gli giunge nel 1974 da Boniperti, suo ex compagno di squadra: Parola rivince subito lo scudetto nella prima stagione ma chiude secondo l’anno successivo, anche per via della poca unione all’interno dello spogliatoio. È qui che comincia la prima era di Trapattoni, con il Decennio d’Oro.

TRAPATTONI E LIPPI

—  

Il ritorno del Trap sotto la Mole si verifica nella stagione 1991-92, cinque anni dopo la chiusura della sua gestione. Viene archiviata la fallimentare stagione con Maifredi e gettate le basi per il trionfo in Coppa Uefa la stagione successiva. Al termine della terza stagione, invece, il tecnico lascia insieme a Boniperti, allora amministratore delegato. Mentre il Lippi bis (dopo la prima gestione che ha il culmine con la conquista dell’ultima Champions bianconera, nel 1996) ha inizio nell’estate del 2001 e riporta al successo in campionato con il famoso scudetto del 5 maggio, doppiato da un altro tricolore la stagione successiva ma sporcato anche dalla delusione in Champions per la finale persa ai rigori con il Milan. Il secondo ciclo lippiano vive pure un cambio al vertice della società nell’estate 2003, per via della scomparsa del presidente Chiusano (la squadra gli dedica la vittoria della Supercoppa italiana pochi giorni dopo) che viene sostituito da Stevens. Quanto ai singoli: Roberto Baggio vince il pallone d’oro nel 1993, sotto la guida di Trapattoni; Pavel Nedved nel 2003 con Lippi. Il ritorno di Allegri potrebbe far drizzare le orecchie anche a Cristiano Ronaldo.

Precedente Inter, la 33esima fatica record di Skriniar: da panchinaro a intoccabile Successivo Reggina, in casa della Cremonese la prima delle quattro finali

Lascia un commento