Da Soulè a Miretti: la carica dei “sotto età”. La Juve ha trovato il metodo per bruciare le tappe

L’Under 23 in Serie C, sostanzialmente con un gruppo Under 20, è solo l’ultimo anello di una filiera che mettendo alla prova i talenti nella classe superiore permette di farli maturare più rapidamente e così tagliare i tempi rispetto alla concorrenza

C’è un intero ramo aziendale che vive di luce propria nella Juventus. Un vivaio che cresce e si estende con i suoi tempi, produce risorse che col tempo possono diventare strategiche per i programmi del club. Parliamo dei giovani, del preciso metodo di lavoro utilizzato dalla Signora nella propria trafila: delle logiche su cui si basa il sistema di crescita dei talenti e la valorizzazione degli stessi. Sognando di costruire in casa il nuovo campione del domani, ma puntando soprattutto a definire calciatori che possano avere un futuro a livello professionistico.

Precedente "Rudiger al Real Madrid, tutte le cifre dell'operazione" Successivo Perisic, il gol-illusione conferma: l’Inter non può fare a meno di Ivan. E il rinnovo…

Lascia un commento