Da Simy a Felipe Anderson: 5 giocatori con cui fare plusvalenza nella 20ª giornata

Ecco i giocatori consigliati per il prossimo turno di campionato

Alfredo Simone

11 gennaio – 16:53 – MILANO

Dopo i quarti di finale di Coppa Italia torna la Serie A! Col mercato che sta entrando ora dopo ora sempre più nel vivo, con tantissimi giocatori protagonisti di rumors di mercato e con una grossa incognita ormai costante nella mente degli italiani: e al fantacalcio chi metto? Analizziamo dunque 5 nomi di giocatori coi quai si può fare plusvalenza nella ventesima giornata. 

Nwanko Simy (15)

—  

Da capocannoniere in campionato a meteora a ultima spiaggia per Inzaghi. Nelle ultime stagioni è grossomodo questo il riassunto della carriera della punta nigeriana. Complice la situazione Dia e la poca concretezza dei compagni di reparto, Simy è diventato involontario protagonista dell’attacco della Salernitana. I granata, impegnati nel delicato derby campano con un Napoli in crisi, potrebbero affidarsi all’ex Crotone per risollevare una stagione fin qui insufficiente. La difesa della squadra di Mazzarri scricchiola pericolosamente e chissà che non sia proprio Simy a fare la differenza. Dopo la rete al Bologna sono in arrivo altri bonus per lui?

Tomas Suslov (17)

—  

Un Verona impegnato nello scontro salvezza con l’Empoli sarà costretto ad affidarsi allo slovacco e alle sue giocate per strappare qualche punto ai diretti rivali. Con già 2 assist in 14 partite, di cui 7 da titolare, Suslov ha mostrato ottime qualità e soprattutto dopo un momento di adattamento non pare stia risentendo particolarmente del passaggio dal calcio olandese a quello italiano. L’Empoli non da nessuna garanzia indietro e chissà che non sia l’ex Groningen a collezionare qualche bonus. Per soli 16 crediti vale la pena tenere il suo nome a mente dal momento che pare sia diventato il nuovo titolare della squadra di Baroni. 

Nicolò Cambiaghi (27)

—  

Discorso simile a quello di Suslov: titolare in una squadra che è alla disperata ricerca di punti per conquistarsi la permanenza in A, ad oggi la sua stella si è illuminata a tratti. Nelle 18 partite fin qui disputate sono arrivati 2 assist e molti passaggi a vuoto, i suoi inserimenti e la sua abilità nell’1 contro 1 potrebbero creare più di un grattacapo alla difesa del Verona. Ancora alla ricerca del primo centro stagionale, sembra, così come il suo Empoli, in netta ripresa dall’arrivo di Andreazzoli e contro i gialloblù avrà un’altra occasione per lasciare il segno. Nella seconda parte di stagione sarà necessario un cambio di passo e chi potrebbe beneficiarne è proprio Cambiaghi, il cui valore potrebbe aumentare sensibilmente. 

Felipe Anderson (39)

—  

Con il trionfo nel derby di coppa contro la Roma sulla sponda biancoceleste del Tevere si respira un’area di entusiasmo e di coraggio. La Lazio, altalenante in campionato e alla ricerca di certezze, affronterà il Lecce e tenterà di non staccarsi troppo dalla lotta al quarto posto. Gli uomini di Sarri conteranno su un Felipe Anderson che, come la squadra, sta underperformando, trovando 1 gol e 6 assist in queste prime 19 partite. Non è il Felipe dell’anno scorso, non è la Lazio dell’anno scorso. Ma contro i giallorossi la velocità e la classe del funambolo brasiliano potranno tornare a fare la differenza. 

Nicolas Viola (19)

—  

Un po’ a sorpresa si è imposto come titolare (e talvolta come capitano) del Cagliari, Ranieri si fida di lui e dei suoi mezzi tecnici e l’ex Benevento lo sta ripagando con gol e buone prestazioni. Fin qui tra reti e assist sono 4 i bonus fatti registrare da Viola che alla prossima partita è atteso dal Bologna, sua ex squadra. I rossoblù, usciti stremati dalla gara di coppa Italia giocata con la Fiorentina, si ritroveranno contro Pavoletti e compagni senza poter fare affidamento sullo squalificato Zirkzee e dunque con un’arma offensiva in meno. Il Cagliari farà la solita gara fatta di contenimento e ripartenze e proprio l’ex di giornata potrebbe risultare decisivo grazie al suo sinistro educato e ai suoi inserimenti offensivi. Ad ora rappresenta un profilo economico e di qualità, è meglio non farselo scappare.

Precedente Radice in panchina, Di Gregorio in porta e 4-3-3: Monza-Inter, la top 11 dei doppi ex Successivo Addio al muro Mazzarano, l'ultimo uomo che marcò Van Basten