Da Ronaldo contro Rabiot alla sfida Danilo-Bentancur: ecco i “derby” bianconeri

Numerose sfide in giro per il mondo per i giocatori di Pirlo. Il tecnico bianconero spera che non vi siano infortuni così da averli pronti per le prossime gare stagionali

A vedere alcuni duelli che si stanno proponendo in campo in questi giorni di nazionali, forse Andrea Pirlo starà rivivendo gli esercizi di uno-contro-uno che ogni tanto si provano in allenamento. A partire da questa notte, in cui l’Uruguay di Bentancur ha schiantato nettamente la Colombia di Cuadrado. Ma nei prossimi giorni gli incroci bianconeri con le maglie delle rispettive nazionali continueranno tra Sud America ed Europa.

VERSO IL QATAR

—  

Tanto possesso palla per niente. Semplificando al massimo, la partita dei Cafeteros a Barranquilla potrebbe essere riassunta così, con la squadra di Cuadrado che ha tenuto palla per oltre il 60% del tempo, ma ha subito gol praticamente a ogni tiro in porta. Così la Colombia ha incassato un secco 0-3 interno nella terza giornata del girone sudamericano di qualificazione al Mondiale del 2022 in Qatar e il ricciolino tutto dribbling della Juventus ha dovuto accettare la vittoria dei Rioplatensi del compagno di club Bentancur. Ma se martedì la Colombia andrà a Quito per cercare il sorpasso sull’Ecuador, il centrocampista tenterà invece l’aggancio all’attuale capolista a punteggio pieno, il Brasile di Danilo. Già titolare questa notte contro il Venezuela, il jolly insostituibile nella difesa di Pirlo volerà infatti a Montevideo con la sua Seleçao per quella che sarà in sostanza la prima partita davvero impegnativa, dopo le tre vittorie su Bolivia, Perù e Venezuela, in cui i verdeoro erano senza dubbio super favoriti.

OBIETTIVO FINAL FOUR

—  

Due incroci in vista anche in Nations League, entrambi decisivi, tra oggi e domani. Come è comprensibile che sia, visto il livello della rosa juventina, i due “derby” sono entrambi in Lega A, con le quattro squadre che si giocano una grossa fetta delle chance di approdare alla Final Four nel quinto turno del girone. Stasera toccherà al Gruppo 3, dove Cristiano Ronaldo guiderà il Portogallo nello scontro diretto contro la Francia del ritrovato Adrien Rabiot. Proprio al Da Luz, nell’amichevole contro Andorra, CR7 ha appena raggiunto Ferenc Puskas a 746 gol in carriera e contro i transalpini proverà a completare il sorpasso a danni della leggenda ungherese. A differenza però della squilibrata sfida contro la mediocre nazionale dei Pirenei, questa volta a Lisbona conterà più il risultato del primato personale, visto che le due selezioni sono appaiate in testa a 10 punti a due giornate dalla fine, lontane anni luce da Svezia e Croazia che questa sera si giocano la salvezza in Lega A.

ITALIA-POLONIA

—  

All’Italia toccherà invece domani a Reggio Emilia provare a superare la Polonia, fischio d’inizio alle 20:45. Con Bonucci ancora da valutare, Bernardeschi spera che il commissario tecnico Roberto Mancini gli conceda una chance di replicare il gol contro l’Estonia, ma con ogni probabilità a fare di tutto per evitarlo ci sarà Szczesny, solitamente suo compagno di squadra a Torino. L’esterno azzurro confida di poter fare la sua parte per sconfiggere i biancorossi, pieni di conoscenze del nostro calcio: l’Italia insegue infatti a -1 dai polacchi, ma all’ultima giornata gli Azzurri affronteranno la Bosnia-Erzegovina che già stasera rischia di essere matematicamente retrocessa.

SPERANZA

—  

Tutti incroci molto affascinanti e davvero decisivi, ma immaginiamo che Pirlo confiderà soprattutto in una settimana indolore per i suoi giocatori in giro per il mondo, così da averli pronti per la maratona di calcio che li aspetta con la Juventus. Alle nazionali torneranno a pensarci poi alla prossima pausa. Sempre in giro per il mondo, sempre in partite decisive, è destino.

Precedente Perù spalle al muro e contro il tabù Argentina: sfida già delicata in Sud America Successivo Spezia, bis di Mattiello e gol di Nzola nel 3-0 alla Primavera

Lascia un commento