Da rifugiata afghana a stella del calcio: la commovente storia di Nadia Nadim

Dalla guerra in Afghanistan, la ragazzina di Herat è diventata una stella del calcio mondiale

Nadia Nadim è un nome che conta nel mondo del calcio femminile in Europa. Di recente ha vinto il campionato francese con il PSG e si è appena unita al Racing Louisville FC. Con quasi 200 gol nelle squadre di club, Nadia è nientemeno che una star. A 33 anni, non mostra segni di volersi fermare e ha intenzione di andare avanti il ​​più a lungo possibile. Per la Danimarca, ha giocato 98 partite e ha trovato il gol per ben 38 volte. Ma il viaggio di questa donna verso l’alto è stato tutt’altro che facile. Avrebbe potuto facilmente perdere la vita a 12 anni. La sua grande avventura è iniziata nel 2000, in Afghanistan.

Nadia è nata nella città di Herat. Nel 2000, suo padre, che era un generale dell’esercito nazionale afgano, è stato giustiziato dai talebani. Poi insieme alla sua famiglia è fuggita in Danimarca. Nadia ha giocato nel B52 Aalborg e il Team Viborg prima di passare allo Sky Blue FC e infine al PSG. Il debutto di Nadia per la Danimarca è arrivato nel 2009. Ha anche giocato per il Manchester City nel 2018. In questo momento il suo obiettivo è giocare 100 partite per la Danimarca, traguardo che dovrebbe raggiungere quest’anno. Dalla ragazza che è fuggita dal suo Paese natale, Nadia è ora la donna che è un modello per coloro che vogliono realizzare i propri sogni. Il calcio è un gioco bellissimo e sono queste storie che lo rendono tale.

Precedente Frattini: "La mafia si è presa alcuni club durante il Covid" Successivo La Serie A Femminile sbarca su La7: accordo con la Figc fino al 2023

Lascia un commento