Da Grosseto-Bari al derby scudetto. Conte e Pioli ne hanno fatta di strada

Riviviamo le sfide in campo e in panchina tra i due tecnici di Inter e Milan. Il nerazzurro in netto vantaggio, ma il rossonero ha rotto il ghiaccio in ottobre

Da quel Grosseto-Bari del 2008 al derby scudetto. Diversi come carattere e modo di vedere il calcio, Stefano Pioli e Antonio Conte però hanno dato il meglio in campo nello stesso decennio e poi si sono incrociati diverse volte in panchina. Il bilancio da tecnici pende da una parte, perché l’uno ha allenato anche una Ferrari, l’altro solo bolidi potenziali. Tanto che il derby dell’andata ha sancito la prima vittoria di Pioli contro Conte.

Grosseto 2008

—  

La prima sfida in panchina risale all’8 marzo 2008, in un Grosseto-Bari in cui i toscani di Pioli vanno due volte in vantaggio con Lazzari e Danilevicius ma i pugliesi hanno la cazzimma del loro allenatore e rimontano con una doppietta di Cavalli. Pioli poi passa al Piacenza, Conte guiderà alla promozione il Bari di Barreto e Caputo vincendo 1-0 l’andata (Kamatà) e pareggiando ancora 2-2 il ritorno a Piacenza, con un’altra rimonta firmata Galasso.

Le prime in A

—  

L’8 dicembre 2011 registra il primo duello alla guida di squadre di A. Il Bologna di Pioli, subentrato a Bisoli, si arrende 2-1 in Coppa Italia alla prima Juve di Conte: dopo il botta e risposta Giaccherini-Raggi, decide Marchisio ai supplementari. I bianconeri poi perderanno la finale contro il Napoli (0-2), mentre nel ritorno in campionato al Dall’Ara Di Vaio e Vucinic firmano l’1-1. Stesso ritorno in Emilia anche nel 2012-2013 (all’andata Conte era squalificato e sostituito da Alessio), vinta dai bianconeri grazie ai soliti Vucinic e Marchisio. Sempre al Dall’Ara, la Juve con Vidal e Chiellini vince all’andata nel torneo successivo. Non ci saranno incroci nel ritorno, perché nel gennaio 2014 Pioli viene esonerato, malgrado il Bologna fosse virtualmente salvo.

Duelli milanesi

—  

Dopo esperienze molto diverse tra loro, i due si ritrovano quasi un decennio più avanti sulle panchine milanesi. Nell’ultimo derby con pubblico, l’ex interista Pioli si illude con i due gol segnati da Ibra e Rebic ma nel secondo tempo i nerazzurri la ribaltano con Brozovic, Vecino, De Vrij e Lukaku. La rivincita va servita fredda (e purtroppo in uno stadio vuoto) e il primo successo di Pioli su Conte arriva nell’ottobre scorso col 2-1 firmato Ibra. In Coppa Italia l’Inter si rifà col gioiello di Eriksen. Domani l’incrocio più importante.

Le sfide in campo

—  

Se il bilancio da tecnici dice 6 vittorie Conte, 1 Pioli e 3 pareggi, quello sul campo è in perfetta parità. Prima sfida nel 1988, un Verona-Lecce in cui la spuntò la squadra di Pioli grazie alla doppietta di Galderisi. Nel 1989-90 il difensore passa alla Fiorentina e arrivò un successo per parte (Lecce-Fiorentina 1-0, Virdis; Fiorentina-Lecce 3-0, Baggio, Nappi, Ferri). Doppietta di Pasculli nel Lecce-Fiorentina 2-0 del ‘90-91. Poi Conte passa alla Juve. Nel ‘92-93 subentra a Di Canio ma al Franchi perde 2-0 (Laudrup e Sartor), ma si rifarà con il 3-0 del ritorno firmato Ravanelli, Marocchi, Baggio.

Precedente Pronostici Serie A/ Quote: cosa attenderci da Marassi? (23^ giornata) Successivo Leao carico per il derby: "I tifosi si fanno sentire, vinciamo noi"

Lascia un commento