Da Cesare a Paolo a Daniel: storia di una dinastia nel nome della vittoria

Il gol del 27 rossonero è il nuovo timbro di una famiglia che ha scritto le pagine più emozionanti del Milan

Gli applausi più forti gli sono giunti dall’alto, si sono fatti largo tra le nuvole e, come petali di rose, gli sono arrivati addosso e lui ne ha assaporato la dolcezza. Nonno Cesare, da lassù, ha visto e, orgoglioso, avrà detto: “Siamo gente tosta, noi Maldini”. E il giovane Daniel, tornando verso il centro del campo, avrà ripensato a tutte le lezioni che nonno Cesare e papà Paolo gli hanno dato, e se adesso è qui a godersi l’attimo della gloria è perché quei discorsi gli sono entrati in testa e sono diventati uno stile di vita. Il gol di Daniel Maldini al Picco di La Spezia chiude il cerchio di una meravigliosa storia di calcio. Cesare, Paolo e Daniel: tutti e tre uomini del Milan, tutti e tre con i colori rossoneri tatuati sulla pelle, tutt’e tre calciatori di Serie A, tutti e tre goleador.

Precedente Diletta Leotta rompe il silenzio su Can Yaman: "Vi dico la verità" Successivo Marotta: "Cottarelli? Tante dichiarazioni, ma la società ha speso molto. Siamo tranquilli"

Lascia un commento