Crotone, Cosmi: “Troppi errori dietro. Stupito da Messias”

NAPOLI – “Non ho capito alcuni episodi della partita, ma forse è stato meglio così”. Parola di Serse Cosmi, ai microfoni di Sky Sport, dopo il rocambolesco 4-3 con cui il suo Crotone è stato sconfitto dal Napoli. Sui problemi di una difesa che continua a prendere troppi gol: “A parte Bergamo, dove difficilmente basta un gol, siamo andati a giocare cona la Lazio e abbiamo rischiato di pareggiare, poi con il Bologna vincevamo 2-0 e ne abbiamo presi tre. Anche oggi col Napoli ne abbiamo fatti tre, non so da quanto loro non prendevano 3 reti in casa, ma noi ne abbiamo presi quattro. Il calcio purtroppo non si può scindere dalle due fasi, ma non siamo neanche fortunati. Prendiamo gol incredibili e non me ne voglia Di Lorenzo, ci mancava pure il suo gol di sinistro”. 

Mertens suona, Insigne e Osimhen ballano: Napoli-Crotone 4-3

Guarda la gallery

Mertens suona, Insigne e Osimhen ballano: Napoli-Crotone 4-3

“Messias mi ha stupito, Simy realizzatore stradordinario”

La costruzione dal basso? Il calcio è cambiato, non per merito degli allenatori ma perché ci sono nuove norme. Se prima la palla doveva uscire dall’area ora la puoi giocare dentro. Sono situazioni che hanno ingolosito tanti allenatori. Si dice che se una squadra costruisce dal basso vuol dire che ci lavora. Io non la penso così. Noi oggi abbiamo preso tre gol sbagliando tre uscite. Noi oggi non proponiamo una costruzione dal basso, ma una distruzione dal basso. Se hai Simy che è altissimo e di testa ne prende 8 su 10 non capisco perché devo giocare con Luperto da dietro e rischiare sulla pressione di Osimhen – ha ammesso Cosmi -. Gli errori in uscita nascono dal fatto di voler giocare palloni difficilmente giocabili nonostante la pressione”. A proposito di Simy e Messias Cosmi ha spiegato: “Messias per me può giocare in tutte, e dico tutte, le squadre del nostro campionato, è un giocatore che mi ha davvero stupito. Simy è un realizzatore straordinario, in Serie A ho allenato giocatori di grande livello, ma nessuno segnava come lui“.

Precedente Acerbi, messaggio alle altre: "Per la Champions ci siamo!" Successivo Zidane festeggia con una vittoria le 250 partite sulla panchina del Real

Lascia un commento