Crollo Barça e Atletico, ribaltone Champions: Psg-Dortmund prima semifinale

BARCELLONA – Non bastano le vittorie nei match di andata a Barcellona e Atletico Madrid che nella gara di ritorno si arrendono alle rimonte di Psg e Dortmund. Saranno Luis Enrique e Terzic a sfidarsi in semifinale di Champions al termine di due sfide spettacolari. A Barcellona partono forti i padroni di casa con tutto il talento di Yamal che al 12′ semina il panico nella retroguardia francese servendo l’assist per Raphinha che apre il risultato con l’1-0. Alla mezz’ora si complica però la situazione dei blaugrana con Araujo che commette fallo da ultimo uomo su Barcola lasciando i suoi in 10. Passano 10′ ed è il grande ex Dembelé a rimettere il risultato in equilibrio. Ad inizio ripresa tocca invece a Vitinha ribaltare il risultato con una conclusione dal limite che sorprende Ter Stegen. Sale il nervosismo: Xavi viene espulso al 56′ e al 60′ Cancelo commette un’ingenuità in area di rigore che Mbappé trasforma nel gol del sorpasso dal dischetto. Il Barça ci prova, ma all’89’ viene condannato dalla doppietta del fenomeno francese che chiude i conti e fa esplodere la festa parigina.

Simeone crolla a Dortmund

A Dortmund altro poker dopo un inizio folle con Sabitzer da una parte e Morata dall’altra che falliscono l’occasione del possibile vantaggio. Al 34′ è però Brandt a sorprendere la difesa spagnola mentre 5′ più tardi arriva il raddoppio di Maatsen che permette al Dortmund di ribaltare il risultato del Metropolitano. Ad inizio ripresa arriva la risposta Atleti con Hummels che devia il pallone nella propria porta per il 2-1. Al 64′ Correa firma il 2-2 dei colchoneros, ma al 71′ Fullkrug riporta tutto in equilibrio con il 3-2 e al 74′ tocca a Sabitzer mettere la firma sul poker giallonero che manda il Borussia Dortmund in semifinale contro il Psg.

Borussia D. – Atletico Madrid, tabellino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Barcellona-Psg 1-4 rivivi la diretta Champions League: Mbappé super, è semifinale Successivo Il nome di Gasperini e l'obiettivo Jonathan David: il Napoli pensa già al futuro