Cristiano Ronaldo e l’addio allo United: il duro attacco del vice allenatore svela un retroscena

Cosa ha svelato Phelan su Ronaldo?

Intervistato da Sky Sport, Phelan ha commentato: Ronaldo è arrivato molto più vecchio la seconda volta, molto più supponente e volitivo. Aveva ancora degli standard estremamente elevati ed era fantastico lavorare con lui. Ma probabilmente direi una mentalità più dura. Era stato al Manchester United, era stato il sempre presente del Portogallo, era stato al Madrid. Mi piaceva perché non voleva che i suoi standard si abbassassero, voleva che gli standard degli altri si alzassero. E a volte quando ciò accade perdi alcune persone lungo la strada. Ricordo certi momenti in cui spingeva e spingeva forte, e non otteneva molta reazione o risposta. E c’era frustrazione. Quando hai a che fare con le persone migliori, tutto ruota attorno a loro e a dove possono arrivare. Vogliono guardarsi indietro e dire “wow, ha avuto successo”. E probabilmente si è reso conto, e non lo so perché non ho mai avuto quella conversazione con lui, che non poteva farlo al Manchester United. Quindi le sue sfide erano altrove”. 

Precedente Germania, per il post Flick tre nomi e una autocandiatura: i dettagli Successivo Roma, altra sconfitta a tavolino: cosa è successo in Primavera