Cristante, Mancini e Zaniolo sul tavolo dei rinnovi. E la Roma studia Zakaria

Dopo la firma di Pellegrini, sull’agenda di Pinto ci sono tre nomi. E per gennaio si lavora per accontentare Mourinho sul centrocampista

Archiviato il rinnovo di Pellegrini, dopo mesi di trattative anche piuttosto complicate, sull’agenda di Pinto ci sono quattro nomi. Anzi tre più un identikit: l’identikit è quello del centrocampista che Mourinho voleva già in estate e che, a ora, corrisponde al profilo di Zakaria, i nomi sono invece quelli di Cristante, Mancini e Zaniolo (in ordine alfabetico) che andranno blindati con un rinnovo di contratto.

L’asse italiano

—  

Il difensore e il centrocampista sono i due vice di Pellegrini, Mou li nomina spesso e li considera, con il capitano, i primi interlocutori all’interno del gruppo. Gestiti dallo stesso agente, Riso, molto amici fuori dal campo, anche con le rispettive famiglie, hanno un contratto fino al 2024 e il loro rinnovo non è urgente come scadenza, ma come centralità nel progetto sì. Mancini, soprattutto, guadagna intorno ai 2 milioni e la Roma è intenzionata a riconoscergli uno stipendio da vice capitano. Fretta non c’è, trattative vere e proprio ancora no, colloqui sì. E Pinto, presto, si metterà a trattare. Più complesso il discorso Zaniolo: Nicolò guadagna già oltre 2 milioni più bonus, viene da due gravi infortuni e sta tornando in forma solo ora, eppure il rinnovo sembra una priorità. Zaniolo è il giocatore più cercato dagli sponsor, le sue maglie sono le più vendute, rappresenta un asset assoluto in campo e fuori come, a Trigoria, non ce ne sono (Mou escluso) dai tempi di Totti. E da questo è partita la trattativa per il rinnovo, nonostante l’attuale accordo scada, come per gli altri due, nel 2024.

Verso gennaio

—  

Contestualmente Pinto sta lavorando per portare a Trigoria quel centrocampista tanto richiesto da Mourinho. Sfumato Xhaka, la Roma si è liberata degli ingaggi di Pedro, Pastore e Nzonzi e ha più libertà di manovra rispetto a un paio di mesi fa. Villar e Diawara potrebbero andar via (più il primo del secondo, anche per una questione di costi) e il nome che continua ad essere in pole è quello di Zakaria del Borussia Monchengladbach. Lo svizzero non ha ancora rinnovato, nonostante il club tedesco gli abbia proposto più volte un nuovo contratto, e la Roma continua a seguirlo con attenzione. Anche perché tra un mese compirà 25 anni, l’età è quella giusta, l’esperienza anche: né troppo giovane, né sul viale del tramonto. Esattamente quello che chiede Mourinho.

Precedente Juve-Lucca, il presidente del Pisa: "Ci chiamano in tanti" Successivo Juve, la Champions parte da Ginevra. Montemurro: "Puntiamo allo spettacolo"

Lascia un commento