Cottarelli lancia l’azionariato popolare: “Vogliamo rinforzare l’Inter”

MILANO – Il progetto di azionariato popolare di Insterspac entra nel vivo. Dopo la raccolta di adesioni massiccia – in oltre 100mila hanno manifestato l’interesse di prenderne parte -, è quasi tutto pronto per partire. Il presidente Carlo Cottarelli, al seminario “Se non ora quando?” che si è svolto a Milano, ha commentato: “È un modello che può funzionare per l’intero calcio italiano, non solo per l’Inter. Ringrazio la società perché ci ha riportato a vincere lo scudetto e penso che ce la giocheremo anche quest’anno. Come Interspac l’obiettivo è rafforzare il club con il supporto dei tifosi interisti. Abbiamo scelto già un advisor che ci aiuterà a stilare un piano di governance dettagliato. Contiamo di presentarla nel giro di due mesi, entro la fine di novembre. Seguiamo il modello del Real Madrid, del Barcellona e della maggior parte delle squadre tedesche – ha aggiunto l’economista – ma in questo caso si tratterebbe di un caso unico: i tifosi comprerebbero una società da un investitore estero. Ovviamente ci sono grosse difficoltà da superare, come il dover coordinare un numero potenzialmente enorme di persone, ma tutto nasce dalla passione e dalla voglia di smentire il luogo comune che noi italiani siamo troppo individualisti per fare qualcosa insieme”.

Le parole di Malagò

Al seminario è intervenuto anche il numero uno dello sport italiano Giovanni Malagò che, attraverso un videomessaggio, ha detto la sua: “Sul tavolo ci sono alcune idee per cercare di risolvere un problema sotto gli occhi di tutti, una crisi finanziaria che attanaglia i bilanci di quasi tutte le società. In più c’è stata la pandemia, i ricavi sono scesi in maniera preponderante e al tempo stesso non mi sembra che ci sia stata altrettanta volontà di abbassare i costi tenendo presente quello che non si sarebbe incassato in termini di fatturato. Oggi bisogna sicuramente fare qualcosa di diverso, una delle risposte è l’azionariato popolare. Esiste già in Spagna e in Bundesliga – ha aggiunto -. Avere una forma al 100% che consenta di avere un azionista tifoso è un sogno chimerico, ma potrebbe essere un presupposto che forse può dare una mano a risolvere se non del tutto almeno parzialmente i problemi di carattere finanziario. È una spinta coraggiosa che non mi sento di escludere”.

Interspac, interesse di centomila persone

Guarda il video

Interspac, interesse di centomila persone

Precedente Juve, Chiellini: "Siamo un po' in tempesta, ma arriveremo in porto" Successivo Mancini e la Nations League: "Non facciamo come gli inglesi che si erano già tatuati le coppe..."

Lascia un commento