Corretto il rigore su Calha, con l’ok del “silent-check”. Mani in area? Non punibili

Sul primo rigore in Milan-Inter confermata la decisione dal campo del direttore di gara. Solare il secondo, Non sono da sanzionare i tocchi di braccio del turco e di Correa

Al 7’ del primo tempo Kessie viene raggiunto da Calhanoglu dentro l’area rossonera: l’interista si prende lo spazio dietro al pallone allungando il piede destro e poi cade perché incrociato dalla gamba sinistra del milanista. Doveri decreta correttamente il rigore, niente Var ma “silent-check” sì: la decisione dal campo (con valutazione di dinamica e intensità) del direttore di gara viene confermata.

Gli altri episodi

—  

Il secondo rigore, al 25’ del primo tempo, vede Ballo-Touré entrare in ritardo su Darmian: rigore solare e cartellino solo giallo (l’unico della gara) perché il milanista ha cercato il pallone (“intervento genuino”). Non sono da sanzionare in area interista i colpi di braccio (aderenti al corpo: non viene alterato il volume corporeo) di Calha e Correa nella ripresa.

Precedente Pioli ha colmato il gap. L'Inter non dimentichi lo scudetto sul petto Successivo Milan-Inter 1-1: rigore di Calhanoglu e autogol di De Vrij, pari nel derby

Lascia un commento