Corea-Italia tra leggende e verità: quando i “Ridolini” ci fecero piangere

Pak Doo Ik non era un vero dentista, come invece quasi tutti pensano: fu il suo diagonale a eliminare la Nazionale di Fabbri dal Mondiale. Da quella debacle a Inghilterra ’66, però, iniziò un grande ciclo azzurro

E no, il dentista Pak Doo Ik non era un dentista. Nemmeno un odontotecnico, o un assistente di sedia. Mai curata una carie in vita sua, mai fatta un’anestesia. Come si dice “Apra bene la bocca” in coreano? Lui di certo non lo sapeva. Pak Doo Ik è un caporale dell’esercito nordcoreano. Insegna ginnastica alle reclute. Flessioni, corse, salti con la cavallina, queste cose qua. Scopriremo poi che sì, ha studiato per qualche anno medicina, (forse) ha un diploma in tasca (ma forse no) e insomma insomma: è come dire che Ferdy87 è un critico cinematografico perché ha twittato due boiate su “Nomadland” o che Spaghettino91 è uno chef perché gli hanno detto che bisogna buttare una manciata di sale per far bollire l’acqua.

Precedente Inter, ipotesi ritorno per Keita: sarebbe l'arma in più per Inzaghi? Successivo No del Napoli allo United per Koulibaly: 30 milioni non bastano

Lascia un commento