Cordoba e la sfida Venezia: “Emozionato come la prima volta all’Inter”

L’ex difensore nerazzurro è entrato a far parte del club come socio e consigliere delegato per l’Area Sportiva

Ivan Cordoba torna in Italia. L’ex difensore dell’Inter, in nerazzurro dal 2000 al 2012 e nella rosa della corazzata di Mourinho che vinse il Triplete, entra a far parte del Venezia come socio del club e consigliere delegato per l’Area Sportiva. Ad annunciarlo è lo stesso club veneto, settimo in classifica in Serie B, tramite un comunicato ufficiale: “Attraverso la sua esperienza e competenza, Cordoba porterà il suo contributo in diverse aree della società rafforzando il Dna del club a tutti i livelli, dal lato sportivo a quello delle relazioni con club, leghe ed associazioni nell’ecosistema calcistico globale, incrementando inoltre la visibilità del Venezia FC a livello internazionale. Benvenuto Ivan”.

Pensiero all’Inter

—  

“Per me è un piacere enorme e un onore essere qua”, le prime parole di Cordoba. “Sono emozionato perché questo è un passo importante che ho fatto, ci credo con tutto me stesso. Ringrazio prima di tutto il presidente perché mi ha dato la possibilità di mettere a disposizione del suo club la mia esperienza. Il Venezia ha una mentalità forte ed è ciò che mi ha spinto ad entrare in questo progetto. Un progetto serio, con basi solide, dove quello che si dice dopo si fa”. Nel corso della conferenza stampa di presentazione, l’ex difensore ha anche ricordato il suo glorioso passato in nerazzurro: “So che nella mia vita sarò sempre legato all’Inter per ovvi aspetti e non smetterò di ringraziarli. Il mio arrivo qui lo paragono a quando arrivai a Milano: tanta emozione per una sfida bella e importante”.

Ritorno

—  

Dopo il ritiro dal calcio giocato nel 2012, Cordoba ha ricoperto il ruolo di team manager prima di lasciare il club nel settembre 2014 con una risoluzione consensuale. Con la maglia dell’Inter il colombiano ha collezionato 324 presenze, vincendo cinque scudetti, quattro Coppa Italia, altrettante edizioni della Supercoppa, una Champions League e un Mondiale per Club. E ora torna in Italia, al Venezia, con una nuova veste.

Precedente Juventus-Inter: Conte-Agnelli, cosa rischiano dopo la rissa? Loro fanno gli gnorri, stesso iter Ibra-Lukaku Successivo AUDIO Bonolis: "Gli insulti di Agnelli a Conte? Il solito stile Juve. Bonucci, da che pulpito..."

Lascia un commento