Conte non vuole fermarsi, ma il Crotone sa come si fa con l’Inter a San Siro

Alla ripresa, i nerazzurri cercano l’ottavo successo consecutivo in campionato. I calabresi hanno vinto due delle ultime 4 di A e hanno pareggiato l’ultimo scontro diretto al Meazza

Dopo la breve pausa natalizia, con il nuovo anno riparte la Serie A. Alle spalle del Milan capolista c’è la lanciatissima Inter di Antonio Conte, reduce da sette vittorie consecutive in campionato e a un passo dal chiudere il 2020 in testa alla classifica, prima che il colpo di testa di Theo Hernandez nel recupero contro la Lazio regalasse i tre punti a Stefano Pioli. I nerazzurri non vogliono interrompere la loro corsa per continuare a mettere il fiato sul collo ai cugini rossoneri: il 3 gennaio, a San Siro, arriva il Crotone. Lunch match della domenica: fischio d’inizio alle 12.30.

GLI OSPITI

—  

Partita quasi da testacoda: seconda contro penultima in Serie A. Ci sono 24 punti a dividere le due squadre in campionato, ma Antonio Conte non deve sottovalutare la formazione allenata da Giovanni Stroppa: le uniche due vittorie in campionato dei calabresi, 4-1 con lo Spezia e 2-1 con il Parma, sono arrivate nelle ultime quattro giornate, in cui il Crotone ha totalizzato sette punti considerando anche il pareggio contro l’Udinese e la sconfitta con la Sampdoria. Stroppa cerca continuità: Inter e Roma, una in fila all’altra nel calendario dei calabresi, possono dire molto sullo stato di forma della neopromossa.

I PRECEDENTI

—  

Il calendario dell’Inter propone la sfida al Crotone prima della Sampdoria: due partite in cui i nerazzurri vogliono portare a casa 6 punti prima di affrontare Roma e Juventus, scontri diretti da cui potrebbero arrivare risposte molto importanti. Alla ripresa delle operazioni si affrontano il miglior attacco del campionato (l’Inter di Antonio Conte, 34 gol) e il peggiore (il Crotone, 13 come il Parma). Le due squadre si sono affrontate quattro volte in Serie A: l’Inter ha vinto in due occasioni (3-0 il 6 novembre 2016 e 0-2 il 16 settembre 2017), ha perso in trasferta il 9 aprile 2017 (2-1) ed è stata fermata nell’ultimo confronto proprio a San Siro, con l’1-1 del 3 febbraio 2018 con reti di Eder e Barberis. In panchina c’erano Luciano Spalletti da una parte e Walter Zenga, il grande ex, dall’altra.

Precedente L'Agghiacciante Condottiero, l'Allenatore Predestinato e... Giochi di parole in panchina Successivo Catania, Tacopina sicuro: "Siamo ai dettagli. Mercato? Ho in mente tutti i nomi"

Lascia un commento