Conte: “Gara strana, meritavamo di più. Mercato? Ogni decisione sarà condivisa”

Il tecnico nerazzurro: “Create tante occasioni per segnare, ma siamo stati sfortunati. Lukaku? Non era al cento per cento e si è visto”

L’Inter si blocca dopo 8 vittorie di fila, fermata da due ex (Candreva e Keita) e da un super Audero. La Roma è a -3 e domenica all’ora di pranzo c’è proprio la sfida contro i giallorossi a San Siro.

Lukaku non al 100%

—  

“È stata una partita un po’ strana – esordisce Conte -. Ci siamo ritrovati dal passare dal rigore sbagliato a subire un rigore contro. C’è stato questo uno-due della Sampdoria che chiaramente ci ha creato delle difficoltà, poi è stato difficile recuperare. Al tempo stesso, la squadra stava facendo bene, nei primi minuti ha creato tante situazioni per fare gol. A volte perdi partite che meriti di perdere, altre volte ci sono situazioni in cui è possibile fare gol e non lo fai. Abbiamo sentito troppo l’assenza Lukaku? Non era la prima volta che giocavamo senza Romelu, sappiamo che lui è un giocatore con certe qualità, ma non era al cento per cento e lo si è visto quando è entrato. Dispiace perché penso che meritassimo qualcosa in più”.

sfortunati

—  

Conte non si tira indietro: “Si devono sempre analizzare le cose positive e le cose negative, e cercare di migliorare. Ripeto: è stata una partita un po’ strana, c’è stato grande impegno, grande voglia, grande volontà da parte dei ragazzi, ma oggi la dea bendata si è dimenticata di noi”. A Conte si fa presente che quando c’è da recuperare il risultato, l’Inter mette sempre molti giocatori in area. Magari non c’è lo stesso furore prima. “La nostra fase offensiva, considerate le occasioni che si creano e i gol che facciamo, è ottima – la replica del tecnico -. Non siamo mai mancati, sotto questo punto di vista. A volte siamo mancati nell’equilibrio, soprattutto nella prima parte di stagione, quando abbiamo concesso qualche gol in più. Ma, nelle situazioni di gioco e per come occupiamo l’area, attacchiamo sempre con tanti uomini”.

mercato

—  

Eriksen è entrato in campo anche prima di Vidal: cambia qualcosa in ottica mercato? Conte resta abbottonato: “Io cerco sempre di sfruttare i giocatori a seconda delle situazioni che si creano e sono a completa disposizione del club su ogni decisione. Io mi metto a lavorare, come ho sempre fatto da quando sono all’Inter, ma ogni decisione sarà sempre condivisa”.

Precedente Stroppa: "Il Crotone ha giocato con paura. La Roma ha meritato" Successivo Fiorentina, Prandelli: "Presi due gol evitabili, ma non rimprovero nulla ai miei"

Lascia un commento