Conte furioso: “La lite con Agnelli? Serve più educazione”

TORINO – Animi tesi dopo il ritorno della semifinale di Coppa Italia, dove l’Inter di Antonio Conte non è riuscita ad andare al di là dello 0-0 e a ribaltare il 2-1 incassato nel primo round a Milano. Oltre che con Bonucci in campo, per il tecnico nerazzurro ci sarebbero state scintille a distanza anche con il presidente juventino Andrea Agnelli alla fine del primo tempo: “Ve lo hanno detto fonti Juventus? Dovrebbero dire la verità – ha detto Conte ai microfoni della Rai a chi gli chiedeva chiarimenti -. Penso che anche il quarto uomo ha visto e sentito cosa è successo per tutta la partita. Bisognerebbe essere più educati e avere più sportività e rispetto per chi lavora”.

Juventus-Inter 0-0: tabellino e statistiche

“Credibilità ritrovata”

L’allenatore, storico ex juventino, è comunque soddisfatto della sua Inter anche se esce dallo Stadium con qualche rammarico: “Avremmo dovuto concretizzare alcune situazioni create ed è un peccato, perché nei 180′ si sono viste due squadre che hanno combattuto alla pari. Fino alla fine abbiamo provato a fare un gol che li mettesse ancora più in difficoltà. Abbiamo pagato dazio per alcuni errori fatti all’andata e purtroppo non ci è bastata la determinazione, ma degli errori bisogna imparare per poi ripartire. Siamo fuori dall’Europa e ora anche dalla Coppa Italia? L’importante – ha detto  Conte – è che l’Inter ha ritrovato credibilità e a far paura agli avversari, come oggi ha fatto paura alla Juventus.

Contatto fra Lautaro e Bernardeschi: Conte si infuria

Guarda la gallery

Contatto fra Lautaro e Bernardeschi: Conte si infuria

“Lukaku poco brillante”

Un giudizio poi sui singoli, a partire da un Lukaku che sembra aver pagato le recenti polemiche dopo il testa a testa nel derby dei quarti contro il milanista Ibrahimovic: “Contro la Juve è difficile giocare, è avversario forte – lo ha giustificato il tecnico -, ma è vero che nelle ultime gare non è sembrato al 100%. Ci sono dei momenti in cui si è più brillanti e altri in cui lo si è meno, è normale, ma anche oggi ha datto tutto”. Poi su Eriksen: “Ha fatto la sua parte, volevamo due play con lui e Brozovic e penso che da questo punto di vista bbiamo messo in difficoltà la Juve, perché la partita l’abbiamo fatta noi”.

Demiral è un muro, Handanovic ferma Ronaldo: la Juve è in finale di Coppa Italia

Guarda la gallery

Demiral è un muro, Handanovic ferma Ronaldo: la Juve è in finale di Coppa Italia

Precedente Diretta/ Cittadella Cosenza (risultato finale 1-1): Corsi pareggia al 90' Successivo Primo 0-0 per Pirlo: "Non me n'ero neanche accorto, ma questo vale una vittoria"

Lascia un commento