Conference League, Roma-Leicester: arrestati 7 tifosi inglesi

ROMA – La Roma batte 1-0 il Leicester grazie al colpo di testa di Tammy Abraham e vola in finale di Conference League. I giallorossi di José Mourinho tornano a giocare una finale europea a 31 anni di distanza: l’ultima volta era infatti il 1991 e Giannini e compagni si arresero all’Inter nel doppio confronto di Coppa Uefa. La squadra dello Special One sfiderà il Feyenoord il prossimo 25 maggio a Tirana ed è già corsa ai biglietti. Intanto, tornando al match contro le Foxes di Brendan Rodgers, ha funzionato il piano di sicurezza disposto dalla Questura di Roma per la semifinale di ritorno di Conference League fra i giallorossi e il Leicester. Nell’area adiacente l’Olimpico non si sono registrati problemi ed i tifosi, compresi i 3500 provenienti dal Regno Unito, hanno raggiunto il loro posto allo stadio regolarmente.

Abraham stende il Leicester: la Roma è in finale di Conference League

Guarda la gallery

Abraham stende il Leicester: la Roma è in finale di Conference League

Roma-Leicester, tafferugli nel finale di partita

Quando la sfida volgeva verso il triplice fischio, però, si è registrato qualche tafferuglio: alcuni tifosi della Roma che occupavano lo spicchio adiacente il settore ospiti hanno lanciato alcuni oggetti verso gli inglesi, provocandone la reazione. A finire sotto attacco sono stati gli steward in servizio ma prontamente il dirigente del servizio di Ordine pubblico ha inviato alcune squadre di agenti del reparto mobile, riportando in breve tempo la calma nell’intero settore. Proprio in questo ambito, i poliziotti del commissariato Prati sono riusciti a fermate 7 inglesi, di età  comprese tra i 23 ed i 36 anni, che avevano materialmente colpito prima gli steward e poi gli stessi agenti, undici dei quali (6+5) sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso e refertati con prognosi dai 2 ai 15 giorni. I sette ultras del Leicester sono stati arrestati perché gravemente indiziati dei reati di resistenza, violenza, lesioni personali e minaccia a pubblico ufficiale. In mattinata si è già  svolto il rito direttissimo presso il Tribunale di Roma con la condanna per i 7 autori a un anno di reclusione. Altri 2 tifosi ospiti sono stati denunciati in stato di libertà per aver introdotto nello stadio alcuni artifizi pirotecnici all’interno della struttura. Per tutti loro è stato emesso un Daspo che gli impedirà di accedere a tutte le manifestazioni sportive che si svolgeranno in Italia per i prossimi 5 anni. Gli investigatori sono ora al lavoro per identificare le persone che hanno lanciato gli oggetti all’interno del settore ospiti.

L'inferno giallorosso ripreso dall'interno del pullman: il video di Mou

Guarda il video

L’inferno giallorosso ripreso dall’interno del pullman: il video di Mou

Precedente Diretta Atp Madrid 2022/ Rublev Tsitsipas streaming video tv, orario match (quarti) Successivo Ulivieri e i rimpianti del Napoli: "Scudetto perso con Empoli e Spezia"

Lascia un commento