Condannato a 19 anni di carcere l’aggressore di Pablo Marì

L’aggressore è un uomo di 47 anni che soffre di disturbi psichici: condannato a 19 anni e 4 mesi di reclusione

È stato condannato a 19 anni e 4 mesi di reclusione l’uomo che aveva accoltellato il giocatore del Monza Pablo Marì. Il tutto era accaduto lo scorso ottobre 2022, quando ad Assago in una giornata qualunque si era scatenato l’inferno: un signore, brandendo un coltello, aveva ferito sei vittime di cui due ferite gravemente e un morto. Tra queste il calciatore, che era stato colpito alla spalla. La sentenza ha avuto luogo lunedì 18 settembre. Il giudice ha stabilito un risarcimento di 30mila euro per il padre della vittima e di 15mila euro per il calciatore gli altri rimasti feriti. L’aggressore pare che al momento dei fatti era capace di intendere e volere, purché soffra di disturbi psichici.

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo del calcio senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con Itasportpress per scoprire tutte le news di giornata.

Precedente Milan, che serataccia: sbatte sul muro Newcastle e si fanno male Maignan e Loftus-Cheek Successivo Inter, entusiasmo Champions, nonostante le assenze

Lascia un commento