Como schiacciasassi, Palermo ko a Cittadella. Dopo un mese, riecco il Bari. Pari tra Pisa e Reggiana

Il Sudtirol la risolve ancora nell’ultimo quarto d’ora di gioco. Maran, nuova vittoria con il suo Brescia per agguantare la zona playoff

Oscar Maresca

13 gennaio 2024 (modifica alle 18:26) – MILANO

Il Como continua a volare. Nel sabato di B, la squadra di Roberts batte 4-0 lo Spezia, si prende il secondo posto a 38 punti e va momentaneamente a -3 dal Parma capolista. Non si ferma più il Cittadella, che trova la settima vittoria in nove gare: alla squadra di Gorini, imbattuta da ottobre, bastano i gol di Pandolfi e Vita per superare il Palermo e salire al terzo posto a quota 36. Torna al successo il Bari contro la Ternana, vincono anche Brescia e Sudtirol contro Modena e Feralpisalò. Nella gara delle 16.15, finisce 2-2 tra Pisa e Reggiana. Chiudono il turno Parma-Ascoli, Venezia-Sampdoria e Cremonese-Cosenza, in programma domani pomeriggio.

como-spezia 4-0

—  

Al Sinigaglia, i padroni di casa comandano la partita: Cutrone sbatte due volte sul palo in cinque minuti. Poi al 27’ Da Cunha di sinistro incrocia alle spalle di Zoet. Passano dieci minuti e finalmente Cutrone si prende la sua rivincita: riceve dal solito Da Cunha e tira col destro, colpisce ancora il legno, però stavolta la palla entra: è 2-0. Sono otto i centri stagionali per il classe ’98. Nel secondo tempo il Como dilaga con Gabrielloni: il più veloce a spingere in rete la conclusione di Abildgaard. Per lo Spezia è notta fonda: al 63’ arriva il quarto gol di Da Cunha. Terzo risultato utile di fila per gli uomini di Roberts, resta in zona retrocessione lo Spezia.

cittadella-palermo 2-0

—  

Gioca meglio la squadra di Gorini, i rosanero devono chiudersi in difesa. Carriero sfiora la rete a metà primo tempo, poi Pandolfi sblocca il risultato: deve solo spingere in rete il passaggio di Pittarello. Quarto gol stagionale per il classe ’98. La partita degli ospiti si complica ancor di più al 50’, quando Stulac rimedia il secondo giallo e lascia i suoi in dieci. All’80’ Vita festeggia le 400 presenze da professionista con una rete: è 2-0 al Tombolato. Continua a volare il Cittadella, imbattuto da tre mesi, sale momentaneamente al terzo posto.

bari-ternana 3-1

—  

Gli uomini di Breda con Di Stefano e Raimondo creano pericoli, ma sono i padroni di casa a passare in vantaggio. Ci pensa Ricci al 41’, bravo a sfruttare un ottimo passaggio di Sibilli: prima rete stagionale per il classe ’96. Due minuti dopo arriva pure il raddoppio di Nasti: quarto gol in campionato per l’attaccante di proprietà del Milan. Nel secondo tempo, Sibilli e Achik sfiorano il tris colpendo il palo esterno. A sette minuti dalla fine, Dorval trova la sua prima rete in B e firma il 3-0. Nel finale arriva anche il gol di Diakité che serve a poco. Dopo un mese, il Bari ritrova il successo. Ancora un k.o. per la Ternana ferma in zona playout.

modena-brescia 1-2

—  

La gara degli uomini di Bianco inizia subito in salita. Al 5’ Dickmann in area prova il tiro deviato da Zaro, Gagno non riesce a bloccare: passano gli ospiti. I padroni di casa alzano la pressione, ma Galazzi spegne l’entusiasmo degli avversari: batte una punizione da 25 metri che si stampa sotto la traversa. È il primo gol in campionato per il trequartista classe 2000. In avvio di ripresa, Bjarnason tocca il pallone in area con un braccio sul colpo di testa di Falcinelli. L’arbitro chiamato al Var assegna il rigore: sul dischetto ci va Tremolada che accorcia le distanze. Il risultato non cambia: vince il Brescia che continua a lottare per un posto in zona playoff.

sudtirol-feralpisalò 1-0

—  

Al Druso la partita non si sblocca nel primo tempo, ma quante occasioni per il Sudtirol. Al 28’ Merkaj di testa sbatte sul palo, poco prima dell’intervallo colpisce la traversa pure Masiello. Nella ripresa la squadra di Zaffaroni alza i ritmi: Poluzzi deve fare un miracolo per salvare il risultato sul colpo di testa di Ceppitelli. La prima rete arriva soltanto al 76’ con il solito Casiraghi: Ciervo corre verso l’area e serve il compagno, il trequartista alza il pallonetto e trova la dodicesima rete stagionale: è lui il miglior marcatore della B. Gli uomini di Valente si prendono i tre punti dopo due sconfitte consecutive. Ancora ultima la Feralpisalò.

pisa-reggiana 2-2

—  

All’Arena Garibaldi il divertimento inizia subito. Dopo 9’, è il capolavoro di Melegoni a sbloccare la partita: l’esterno, prodotto del vivaio dell’Atalanta, piazza un bel destro a giro all’incrocio dei pali e porta avanti la Reggiana con il suo primo centro in campionato. La squadra di Aquilani non si perde d’animo e agguanta il pari al quarto d’ora con il rigore (concesso per fallo di mano di Sampirisi) del solito Valoti, al settimo squillo stagionale. Torna tutto in equilibrio, ma l’1-1 dura poco. Intorno alla mezz’ora, è Antiste a sfruttare di testa il calcio di punizione di Kabashi e il mancato intervento di Nicolas per il nuovo vantaggio. Nella ripresa il Pisa spinge, ma per costruire il pari servono gli aiuti della panchina. Il guizzo giusto arriva all’82’: Torregrossa serve Bonfanti, ultimo colpo di mercato nerazzurro, e l’attaccante buca Bardi con un bel destro di potenza. I toscani a questo punto ci credono e l’Arena Garibaldi spinge, ma nel finale è Bardi a tenere a galla i suoi. La squadra di Nesta resta undicesima e sale a 24 punti, Aquilani aggancia Samp e Sudtirol a quota 23.

Precedente Pioli contro Mou, chi cade male può ritrovarsi già al capolinea Successivo A Monza la mano di Gagliardini lancia un'Inter spietata: 5-1, +5 sulla Juve