Commento Champions: Mbappé da favola! Il Chelsea vede la semifinale

La grande doppietta di Mbappé regala la rivincita più bella al Psg contro il Bayern Monaco, battuto in Germania per 3-2. Nel neutro di Siviglia è il Chelsea di Tuchel ad imporsi per 2-0 contro il Porto. A decidere la sfida i gol di Mount e Chilwell. Per Conceicao la strada verso la semifinale di Champions si fa adesso davvero complessa.

Bayern-Psg 2-3, super Mbappé: che doppietta!

Una rivincita più dolce non poteva esserci per il Psg. Sotto colpi di Mbappé (doppietta) e Marquinhos cade in casa il Bayern Monaco campione d’Europa nel remake della finale Champions di Lisbona di qualche mese fa. Sotto una fitta nevicata fuori stagione, la squadra di Pochettino vince 3-2 imponendosi grazie alle giocate dei suoi fenomeni, incluso Neymar, protagonista di un primo tempo stellare con due assist. A nulla è valsa al Bayern la rimonta momentanea firmata da Choupo-Moting e Muller. Per l’azzurro Kean (inizialmente in panchina) spazio negli ultimi venti minuti di partita.

Tante le assenze di questa super sfida. Nel Psg mancano gli italiani Verratti e Florenzi, entrambi positivi al Covid. Non ci sono nemmeno Icardi e Paredes. Nel Bayern pesano le assenze per infortunio di Lewandowski, Douglas Costa e Gnabry. Il primo tempo rispetta i pronostici: in campo è adrenalina pura. Il merito è in buona parte del duo delle meraviglie NeymarMbappé, capaci da soli di mandare in confusione totale la retroguardia della squadra campione d’Europa in carica. Il primo brivido lo regala all’alba del match Choupo-Moting con un colpo di testa fermato dalla traversa. Poi è Neymar-Mbappé show. Passano solo tre minuti quando il brasiliano se ne va in ripartenza, servendo sulla corsa il francese, lucido nel tiro e fortunato nello sfruttare un’indecisione letale di Neuer. Il vantaggio parigino mette in allarme i rossi bavaresi che provano a reagire con Muller prima e Coman poi senza trovare fortuna. Il Psg in ripartenza è micidiale. Al 12’ Mbappé in progressione incenerisce Sule e cerca una conclusione ribattuta: sulla traiettoria c’è Draxler che infila il bis. La gioia dura poco, il tempo di accorgersi di un fuorigioco che cancella la gioia francese. Poco male perché, dopo un altro paio di tentativi del Bayern, il 2-0 arriva lo stesso. Neymar dipinge il secondo assist della serata con la decisiva collaborazione della difesa tedesca, colpevolmente distratta nel lasciare libero Marquinhos di stoppare il pallone e infilare senza problemi a tu per tu con Neuer. La gioia dell’ex romanista termina due minuti dopo per colpa di un infortunio muscolare che lo costringe al cambio. Gli equilibri difensivi parigini ne risentono e infatti al 37’ il Bayern accorcia con un perfetto stacco di testa dell’ex Choupo-Moting su cross di Pavard.

Nella ripresa il Bayern spinge a testa bassa a caccia del gol del pari. Navas indossa i panni del supereroe salvando il Psg in almeno tre circostanze clamorose. Mbappé e Neymar non trovano gli spazi giocabili utilizzati nel primo tempo e si eclissano. Tra i padroni di casa cresce la spinta sulla destra di Sané ma nella fredda serata di Monaco manca il cinismo sotto porta dei giorni migliori. Il pari però arriva ugualmente allo scoccare dell’ora di gioco con un grande stacco di testa dell’eterno Muller sugli sviluppi di una punizione battuta da Kimmich. Il Psg mantiene alta l’intensità ma pecca di lucidità nelle scelte decisive. Il Bayern spinge a caccia del clamoroso sorpasso ma al 67’ cala di nuovo sull’Allianz Arena la scure letale di Mbappé. Il fenomeno parigino ritrova finalmente un corridoio giocabile e ci si infila con tutta la sua velocità: Boateng prova a fermarlo ma l’intento fallisce miseramente. Kylian indovina la traiettoria giusta con il suo rasoterra e fa secco l’incolpevole Neuer. E’ doppietta, ottavo gol in questa edizione di Champions (due in meno del capocannoniere Haaland) e ingesso definitivo tra i grandi del calcio mondiale per il 22enne di Bondy. Il finale di partita è nervoso. Al 71’ c’è spazio per Kean che entra al posto di Di Maria. Il Bayern prova l’assalto finale ma non riesce a trovare il pareggio per la bravura di Navas e per un pizzico di sfortuna. Il Psg prova a fare densità e regge a fatica l’urto dei tedeschi ma alla fine può esultare. La vittoria per 3-2 a Monaco permette a Mbappé e compagni di godersi la rivincita più bella. Sognare la semifinale di Champions per Pochettino adesso è cosa più che lecita.   

Psg, trionfo nella neve di Monaco: doppio Mbappé nel 3-2 al Bayern

Guarda la gallery

Psg, trionfo nella neve di Monaco: doppio Mbappé nel 3-2 al Bayern

Porto-Chelsea 0-2, decidono Mount e Chilwell

Nel neutro di Siviglia il Chelsea si impone d’autorità per 2-0 ipotecando le semifinali di Champions. Un gol per tempo di Mount e Chilwell affossano i sogni del Porto di Conceicao che dopo la qualificazione contro la Juve negli ottavi non riesce a ritrovare la stessa intensità perdendo malamente una gara giocata bene solo nella prima mezz’ora.

Il primo tempo è teso, veloce ma non spettacolare. Il Chelsea fa buon possesso ma punge poco in avanti. Meglio il Porto che con uno scintillante Otavio mette più volte in agitazione la retroguardia inglese. Mendy è bravo in un paio di circostanze a salvare Tuchel, poi ci pensa Mount con un diagonale prodigioso su assist di Jorginho alla mezz’ora a sbloccare il risultato. Il vantaggio inglese manda in confusione il Porto che non riesce più a trovare la stessa fluidità di manovra costruita prima del vantaggio avversario. Nella ripresa cambia lo spartito del match. Il Chelsea è più vivo e rende la sfida molto più equilibrata. Marega e Uribe sfiorano il pari nei minuti iniziali, Werner e Mount replicano con due grandi chance (fallite) per il bis. I gol non si vedono ma resta l’altissima intensità. Dal 65’ in poi in campo si vede solo un grande Chelsea, capace di gestire con maturità e una impressionante solidità il vantaggio minimo ottenuto nel primo tempo. Il Porto va in riserva e non riesce più ad impensierire la difesa avversaria. Pulisic al contrario sfiora il bis con una conclusione potente nel finale che si stampa sulla traversa. Il raddoppio è nell’aria e si materializza all’85’ con Chilwell bravo a rubare palla a Corona, superare Marchesin e a depositare il pallone in fondo al sacco. E’ il 2-0 che proietta il Chelsea verso la semifinale. Per il Porto di Conceicao al ritorno servirà un miracolo.

Mount e Chilwell spietati: Chelsea batte il Porto 2-0

Guarda la gallery

Mount e Chilwell spietati: Chelsea batte il Porto 2-0

Precedente Liga, pari nel derby basco fra Real Sociedad e Athletic Bilbao Successivo Diretta/ Bayern Monaco Psg (risultato finale 2-3) streaming tv: Alaba sfiora il pari

Lascia un commento