Colpo grosso Capo Verde, Osimhen spreca, la Nigeria frena. Salah salva l’Egitto

I capoverdiani piegano il Ghana, l’attaccante del Napoli segna, poi si divora un’enorme occasione e la sua nazionale non va oltre l’1-1 con la Guinea Equatoriale. Gli egiziani agguantano il pari su rigore nel recupero: 2-2 con il Mozambico

Oscar Maresca- Lorenzo Topello

14 gennaio 2024 (modifica alle 23:09) – MILANO

La vera sorpresa di questa domenica di Coppa d’Africa è Capo Verde. La squadra del c.t. Bubista supera 2-1 il Ghana in pieno recupero e si prende la vetta del gruppo B: decisiva la rete al 92’ di Garry Rodrigues. Nell’altra partita del girone complicato il debutto dell’Egitto sette volte campione d’Africa contro il Mozambico. La formazione di Conde resiste addirittura fino al 97’, quando Salah su rigore realizza il 2-2 decisivo. Nella sfida del gruppo A tra Nigeria e Guinea Equatoriale, Osimhen è protagonista con un gol segnato e altri due falliti: finisce 1-1. In vetta al girone resta la Costa d’Avorio dopo il successo con la Guinea-Bissau.  

EGITTO-MOZAMBICO 2-2

—  

Avanti dopo poco più di un minuto la squadra di Rui Vitoria: Mostafa Mohamed si gira fulmineo in area e non dà scampo a Ernan. Sembra tutto in discesa per i Faraoni che però rischiano quando Witi spedisce fuori di poco. Primo tempo da popcorn: Mostafa Mohamed sfiora la doppietta (bravo Ernan), Trezeguet scheggia il palo esterno, dall’altra parte Gildo sfreccia sulla sinistra e per poco non fa fare autogol ad Hamdi. L’Egitto gigioneggia, il Mozambico concretizza al 55’ con lo splendido colpo di testa di Witi che infila in rete il cross di Macanza: 1-1. L’allarme rosso per gli uomini di Rui Vitoria suona tre minuti dopo quando Clesio viene lanciato in profondità e beffa El Shenawy in uscita. Reagisce l’Egitto con un colpo di tacco di Fathi finito sulla traversa: il Mozambico progetta il colpaccio, ma vede (parzialmente) sciupata la propria festa al 95’ per via della scelleratezza di Macandza su Mostafa Mohamed in area di rigore. Dal dischetto Salah salva i suoi: è 2-2, ma per l’Egitto ci sono più ombre che luci.

NIGERIA-GUINEA EQUATORIALE 1-1

—  

Al c.t. Peseiro non basta la profondità della rosa: dentro nel finale anche il milanista Chukwueze, ma la Nigeria non sfonda. Subito una chance per le Aquile Verdi in apertura, ma Zaidu fallisce l’1-0 divorandosi un tap-in a porta vuota. La Guinea Equatoriale è nei piedi del monzese Machin che al 36’ approfitta di una sciocchezza di Iwobi e fa segnare Edu Salvador col mancino. Serie A protagonista un minuto dopo col pari nigeriano: affondo di Lookman, Osimhen deve incornare da zero metri il cross dell’atalantino. C’è anche la chance del 2-1 a un istante dall’intervallo: Osi allarga per Simon, diagonale sul palo esterno. Nella ripresa piovono occasioni per il sorpasso delle Super Aquile: sbagliano Lookman, Osimhen e Aina. Mani nei capelli per l’attaccante napoletano a metà parziale, quando a tu per tu con Owono manda fuori. La prima sorpresa di questa Coppa d’Africa è servita: la Nigeria favorita non va oltre l’1-1.

ghana-capo verde 1-2

—  

Il Ghana alza subito i ritmi, ma al 17’ passa Capo Verde con il gol di Monteiro: il centrocampista svincolato dopo l’esperienza in Mls spinge il pallone in rete dopo il rinvio corto del portiere. Il tiro era di Jovane Cabral, attaccante della Salernitana. Gli uomini di Hughton trovano il pari al 36’ con una gran conclusione da fuori di Ashimeru, ma l’arbitro richiamato al Var annulla la rete perché Konigsdorffer ostruiva la visuale del portiere. Al 56’ però è tutto buono: il Ghana fa 1-1 con il colpo di testa di Djiku su corner. Poco dopo, Paintsil si divora il raddoppio. Nel finale Capo Verde attacca e in pieno recupero trova il gol decisivo con Garry Rodrigues, esterno sinistro che gioca in Turchia con la maglia dell’Ankaragücü. Si addormenta la difesa del Ghana e gli avversari ne approfittano. Vince a sorpresa la squadra del ct Bubista che sale in testa al gruppo B.

Precedente Belotti: "Più giù di così la Roma non può andare. Quando non c'è Dybala..." Successivo Fiorentina-Udinese, le pagelle: Beltran sempre più bomber, 7. Lovric geometrico: 7