Colpaccio Toro, ecco Zapata dall’Atalanta. E lui suona la carica: “Vinciamo subito”

Il club granata in chiusura di mercato regala a Juric il bomber che voleva. Duvan che in mattinata ha superato le visite mediche arriva in prestito con diritto di riscatto che può diventare obbligo al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi

Mario Pagliara

1 settembre – MILANO

Il super colpo di chiusura del mercato lo ha messo a segno il Torino di Urbano Cairo: poco dopo le 16, Duvan Zapata è diventato il nuovo centravanti della squadra di Juric. Maglia numero 91, le visite mediche superate al mattino, poi verso le ore 16 la prima volta dell’attaccante colombiano al Filadelfia, nella casa degli Invincibili. L’accoglienza di Juric, l’abbraccio con i nuovi compagni e anche il primo bagno di folla con cori e battimano di quasi quattrocento tifosi che erano lì ad accoglierlo. Sì, a Torino è già scoppiata la Zapata-mania: in granata è arrivato uno dei più forti centravanti del campionato italiano. 

La formula

—  

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha voluto regalare a se stesso e ai tifosi questo super acquisto, in coda a una campagna acquisti di primissimo piano, che solo ieri aveva fatto registrare ancora gli arrivi del difensore Sazonov e dell’esterno Soppy. Tra l’altro, l’acquisto di Zapata si concretizza proprio a ridosso dell’anniversario dei diciotto anni di presidenza granata di Urbano Cairo che cadranno domani. Il piatto forte del mercato è stato servito a poche ore dalla chiusura ufficiale del mercato estivo: Zapata arriva dall’Atalanta con la formula del prestito con diritto di riscatto che può diventare obbligo al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi. Operazione globale intorno ai dieci milioni, mentre per Zapata c’è un contratto triennale molto ricco. Ieri, nella notte, il presidente Cairo con il direttore tecnico Davide Vagnati ha chiuso l’affare dopo un lungo e insistente corteggiamento insieme a Fernando Villarreal, l’agente di Dusan. “Il Torino è lieto di annunciare di aver acquisito dall’Atalanta – a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2024, con diritto di opzione e/o obbligo di riscatto, in quest’ultimo caso al verificarsi di determinate condizioni – le prestazioni sportive del calciatore Duván Zapata”, si legge nella nota della società granata. 

Vincere subito

—  

Zapata ha così salutato l’Atalanta dove ha vissuto le ultime cinque stagioni. Il Torino regala a Juric un centravanti da 109 gol in Serie A in 284 presenze, complessivamente 117 gol in 341 partite giocate nel calcio italiano. Uno dei più forti centravanti in circolazione in Serie A. Zapata è sbarcato a Torino con il sorriso, bello carico e ha già promesso: “Adesso vinciamo subito la prima partita in Serie A – riferendosi a Torino-Cagliari di domenica -. La società e i tifosi sin dall’inizio mi hanno dimostrato un grande affetto, e io sono molto contento di essere al Torino – dice -. C’è tanto entusiasmo per il mio arrivo, voglio ripagare questo affetto in campo e voglio ricambiare lo sforzo fatto dal presidente Urbano Cairo, che ringrazio, affinché io potessi arrivare qu”. Tra 48 ore c’è Torino-Genoa, con Sanabria infortunato, Zapata potrebbe partire anche subito titolare. Perché no?

Precedente Garcia: "Lindstrom partirà dalla panchina. Ecco perchè Lozano è partito" Successivo Napoli femminile, una delegazione sarà al funerale di Giovanbattista Cutolo