Collina: “La Var è un bimbo che ancora non corre: funziona, ma va perfezionata”

France Football gli ha dato il Pallone d’oro come il migliore di sempre nella sua categoria. Di sicuro ha cambiato il modo di arbitrare. “Sono stato partecipe di ogni momento della partita: le mie facce parlano da sole”. Tra un ricordo (Hodgson e Zeman, il Bayern e le bandierine perdute) e l’attualità (var, fuorigioco e falli di mano), il capo dei fischietti mondiali intervistato da Sportweek dice tutto

La sagoma alta e asciutta fasciata nella divisa nera, l’inconfondibile testa lucida, il piglio autoritario: nell’immaginario collettivo, Pierluigi Collina è stato l’Arbitro con la maiuscola. Prima di lui soltanto Concetto Lo Bello negli Anni 60 era riuscito a incutere in campo altrettanto rispetto, se non timore. France Football gli ha assegnato il Pallone d’Oro alla carriera, in qualità di miglior “fischietto” della storia.

Precedente Vienna, l’orrore, Savicevic: trent’anni fa l’ultima recita dei brasiliani d’Europa Successivo Kenya: è stato arrestato il presidente della Federcalcio Nick Mwendwa