Christillin sgrida Ronaldo: “Dovrebbe lamentarsi meno e pensare più alla squadra”

Dopo il giorno di pausa concesso ieri da Andrea Pirlo, la Juventus si ritrova oggi alla Continassa per iniziare a preparare al meglio l’impegno di domenica prossima contro l’Atalanta, diretta avversaria per la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. I bianconeri, al momento al terzo posto in classifica, non hanno più possibilità di sbagliare e dovranno dare continuità ai successi ottenuti contro il Napoli (2-1) e il Genoa (3-1)per non rischiare di essere trascinati fuori dalla zona di loro interesse.

Si attendono poi pronte risposte da Cristiano Ronaldo, sicuramente il calciatore più chiacchierato in casa juventina in questi ultimi giorni. A segno contro il Napoli per il gol che ha sbloccato la gara, Cr7 non è riuscito a trovare la via della rete anche contro il Genoa, fallendo un tap in clamoroso a porta sguarnita ad inizio primo tempo, tramutatosi poi fortunatamente in assist per il 2-0 realizzato da Alvaro Morata. L’alieno portoghese è apparso poi molto nervoso al termine dei 90 minuti di gioco, e il discusso episodio della maglia lanciata al raccattapalle ha innervosito ancora di più gli animi dei tifosi, che ora stanno mettendo in discussione il futuro dello stesso attaccante in bianconero.

I sostenitori contestano a Cristiano poco attaccamento alla maglia, rispetto a quello dimostrato invece per i suoi numerosi record (l’ultimo quello del miglior marcatore di sempre nella storia del calcio). Il numero 7 è chiamato ancora una volta a zittire le critiche, anche quelle giunte da Evelina Christilin. Membro di riferimento dell’UEFA, la Christillin, ai microfoni del Corriere di Torino, ha infatti dichiarato:

Ronaldo? Un gesto di nervosismo ci può anche stare, ma se si lamentasse un po’ meno con dei compagni e pensasse più alla squadra, e a sé stesso, sarebbe meglio”.

Precedente DIRETTA ATP MONTECARLO 2021/ Video streaming tv: Berrettini eliminato da Davidovich Successivo Covid, De Rossi lascia lo Spallanzani. Il recupero proseguirà a casa

Lascia un commento