Chiffi ok in Milan-Lazio: il rigore c’è, Bakayoko più da giallo che da rosso. E sulla lite…

Col pestone ad Acerbi il centrocampista rischierebbe anche qualcosa in più. Inevitabile espellere Sarri

Direzione ok quella dell’arbitro Chiffi in Milan-Lazio 2-0. Al 24’ i rossoneri protestano per un contatto in area biancoceleste tra Brahim Diaz e Lucas Leiva. In verità, il brasiliano toglie il pallone all’avversario in modo regolare. Fa bene il direttore di gara a non intervenire.

Il rigore

—  

Il rigore c’è invece al 41’, quando Immobile si fa anticipare da Kessie e calcia la gamba dell’ivoriano. L’arbitro non fischia, ma il Var Mazzoleni gli consiglia correttamente la review e davanti al monitor il direttore di gara si corregge prontamente. Kessie poi tira il penalty sulla traversa ed è poi ingenuo a colpire di testa sulla respinta, fermando di fatto l’azione rossonera: chi calcia dal dischetto, poi non può giocare di nuovo la palla senza il precedente tocco di un avversario (anche il portiere) o un compagno.

Rosso Sarri

—  

Nel finale espulso Sarri: il tecnico della Lazio, proprio sul triplice fischio di Chiffi, va a cercare Saelemaekers e gli rifila uno spintone. Si accende un parapiglia, poi sedato anche da Ibrahimovic, dopo cui l’arbitro non può che espellere l’allenatore toscano. Corrette le ammonizioni, rischia qualcosa in più Bakayoko al 63’: il giallo per il pestone ad Acerbi si spiega con il piede basso, il ginocchio piegato e il pallone spostato all’ultimo momento.

Precedente Del Piero e il flop Juve: "Il problema è la testa. Idee e coraggio per svoltare" Successivo Diretta/ Monopoli Acr Messina (risultato finale 2-1) streaming: la decide Grandolfo

Lascia un commento