Chiesti arresto e 17 mesi di carcere per un calciatore: cosa è successo

Dopo che il campionato argentino era stato scosso per i quattro giocatori del Velez per stupro, è arrivato un altro mandato di cattura. Questa volta si tratta di Bryan Reyna, attaccante del Belgrano, ed è stato emesso dalla Procura di Maiorca che chiede di far scontare al peruviano 17 mesi di reclusione.

Reyna e la moto rubata: può continuare a giocare se…

Il fatto risale al dicembre del 2020, quando Reyna, insieme a un suo compagno di squadra dell’epoca, Samu Pinto, sono stati fermati dalla Polizia mentre erano a bordo di una motocicletta rubata. Sono stati arrestati ma rilasciati poco dopo. Il Maiorca ha poi deciso di rescindere il contratto con Reyna per aver violato le norme di sicurezza sanitaria contro il Covid-19. L’attaccante potrà continuare a giocare, tant’è che molto probabilente verrà convocato dal Belgrano per la prossima partita della Copa Sudamericana. Continuerà la sua carriera, fino a che non verrà inoltrata una richiesta di arresto alla giusitizia argentina. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Napoli, De Laurentiis punta su Manna della Juve per la rifondazione azzurra Successivo Juve, Allegri porta la squadra in ritiro prima della Lazio: cosa è successo

Lascia un commento