Chiesa e il master Juve: perché può essere lui il dopo Ronaldo

La chiave è tutta nella crescita, nell’ultimo salto in alto che Fede deve fare per mettersi in pace con il diagramma del suo talento

Forse Federico Chiesa è riuscito a riprendersi in mano il suo tempo, a correre in sintonia con gli anni che scappano, verso quel futuro che tutti ci aspettavamo da lui. Era diventato un po’ fumoso, ultimamente. Sembrava che il suo talento si fosse avvitato attorno a un calcio incompiuto, qualche volta capriccioso, chiuso in un crampo come il pugno di una mano.

Precedente Roma, l'agente di El Shaarawy in Cina per trattare la rescissione Successivo Dragowski: "Ero una testa calda, psicologo fondamentale per me"

Lascia un commento