Chiellini top scorer contro il Napoli. E se gioca guarda che numeri…

Nell’attuale rosa è il giocatore che ha realizzato più reti contro gli azzurri. Non solo, può tagliare due traguardi storici, per lui e per la Juve: ecco quali

E’ già iniziato il toto formazione, intorno a Napoli-Juve. Fra i probabili titolari dovrebbe partire Chiellini (in precedenza per lui 21 “gettoni” in campionato contro il Napoli, e sempre partendo dal 1’) e se così sarà Giorgio festeggerà la sua 400ª presenza in A, ma anche la 500ª presenza da titolare con la Juve in tutte le competizioni. Ma forse quel che più interessa in chiave Napoli è una curiosità: Chiellini è il giocatore dell’attuale rosa bianconera che ha realizzato più gol contro il Napoli in serie A. In 16 anni di militanza bianconera (questo è il 17°), il difensore ha realizzato il suo primo gol contro gli azzurri nel 2009-10, con la Juve che ha comunque rimediato una sconfitta esterna per 3-1; ha replicato nella stagione successiva, e stavolta è stato un pareggio (un 2-2 casalingo in cui Chiellini ha firmato il momentaneo 1-1); quindi nel 2012-13 ha (per ora) concluso l’opera portando in vantaggio la Juve al San Paolo (poi finì 1-1).

Grandi numeri

—  

Un altro piccolo grande primato per uno degli “eroi” di Pirlo (insieme a Ronaldo e agli altri “vecchietti” terribili in bianconero), che dopo aver adombrato qualche dubbio di un amaro fine-ciclo dopo il k.o. con l’Inter del 17 gennaio, ha prontamente guidato la rinascita juventina, fatta di un micidiale mix di “vecchia” mentalità, rinnovate energie e nuovi assetti tecnico tattici dettati da Pirlo. Per farla breve, Chiellini ha avuto un ruolo di protagonista assoluto – in campo e fuori – nella più recente serie delle 6 vittorie consecutive e un pareggio che è valso una finale di Coppa Italia. Ed anche allargando lo sguardo al 2021, e dunque alla serie di 10 partite vinte, 1 sconfitta (contro l’Inter) e 1 pareggio (sempre contro i nerazzurri), il peso di Chiellini, in campo in ben nove occasioni, di cui 5 a tempo pieno, è stato determinante nell’invertire un trend della difesa che fin lì aveva faticato a mantenersi inviolata: da gennaio in poi invece i gol subiti sono stati appena 8 (di cui solo 1 nelle ultime 7 gare).

Precedente Gattuso e il vaso rotto, i due derby del Milan. E ora basta con le risse Successivo Roma, Fonseca e il vero motivo dei complimenti post Juve 

Lascia un commento