Chi è Rubino, gemma viola nel nome del papà

Il talento della Fiorentina Primavera s’ispira al padre Raffaele, goleador dalla C alla A. E abbiamo scoperto che…

È il 21 settembre 2014, Florenzi ha appena segnato contro il Cagliari scavalcando la tribuna dell’Olimpico per abbracciare la nonna. In Serie C nello stesso giorno, allo stadio Lungobisenzio di Prato, Raffaele Rubino realizza il 2-1 contro il Savona correndo da suo figlio Tommaso che esulta dietro l’inferriata del campo. Ha 8 anni, è biondo come papà e ha il sorriso di chi ha appena visto il suo supereroe vincere l’ennesima battaglia. La Gazzetta scriverà: “Gol e sentimenti”. Quella sarà una delle ultime reti realizzate dall’attaccante classe 1978, arrivato all’ultima esperienza della sua carriera. Dieci anni dopo i ruoli si sono invertiti: Tommaso si diverte e fa gol, suo padre Raffaele lo guarda orgoglioso dalla tribuna.

Precedente Juve, Perin e la corsa scudetto: “L’Inter è la favorita ma noi vogliamo…" Successivo Cosa significa per Milan e Roma uscire dalla Coppa Italia? ASCOLTA 10 Minuti di recupero