“Chi è il tuo idolo?” Yildiz non ha dubbi, Szczesny stupisce e Vlahovic…

Nuovo giorno, nuovo allenamento per la Juventus e nuovo video social con McKennie protagonista. Come ormai di consueto, al momento dell’ingresso in campo per la seduta, viene rivolta una domanda ai calciatori bianconeri. Quella di oggi è: chi è il tuo idolo calcistico? Tra risposte serie e irriverenti, così si sono espressi i giocatori della Juventus. Il primo a rispondere è proprio McKennie, che esordisce subito dicendo: “Uuuh ragazzi mi odierete… il mio idolo è Francesco Totti!“.

“Chi è il tuo idolo?” I calciatori Juve rispondono

Arriva il momento di Djalò, con McKennie che prova a suggerirgli il suo nome. Il neo arrivato opta per Lilian Thuram, destando stupore nel centrocampista americano per non aver scelto lui. Arriva il momento di Vlahovic, che senza alcun dubbio dice “Cristiano, Cristiano… SIUUU!“, imitandone anche l’esultanza (il serbo è arrivato proprio dietro a CR7 in una speciale statistica). Szczesny scende in campo accanto ad Alex Sandro e indica proprio il difensore brasiliano, che a sua volta ricambia il voto. Alcuni giovani bianconeri, presenti alla seduta, si dividono tra Sergio Ramos, Lionel Messi, Cristiano Ronaldo (due voti) e Maradona.

Yildiz dice Alessandro Del Piero, a cui ha ‘rubato’ anche l’iconica esultanza, mentre Muharemovic sceglie Giorgio Chiellini. Cambiaso vota Joao Cancelo (da cui, qualche tempo fa, aveva anche ricevuto una maglia con dedica), Locatelli dice Andrea Pirlo, mentre Miretti, dopo aver tirato uno scappellotto a Cambiaso, vota per Pavel Nedved. Iling-Junior, senza esitazioni, opta per Ronaldinho, mentre Milik vota per una meteora Juve diventata leggenda all’Arsenal: Thierry Henry. Perin sceglie due calciatori: “Gianluigi Buffon e Luis Nazario Da Lima, ovvero Ronaldo“. Conclusione simpatica quanto profonda affidata a Danilo, che dice: “Mio padre“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Napoli, le assenze e i pregiudizi Successivo Cagliari, Scuffet: "Possiamo vincere e perdere con tutti. Saremmo folli a non ascoltare Ranieri"

Lascia un commento