Chi è Diallo, il gioiello dell’Atalanta pagato 40 milioni dallo United

L’occasione della vita è arrivata molto presto per Amad Diallo, nato l’11 luglio del 2002 in Costa d’Avorio. Il Manchester United lo ha scelto come rinforzo di gennaio, prelevandolo dall’Atalanta (che ha tentato invano di trattenerlo fino a giugno) sulla base di 25 milioni di euro più 15 di bonus. Lui ha avuto pochi dubbi e le sue prime parole da giocatore della Premier lo dimostrano: “È un sogno che finalmente si avvera il mio trasferimento. Sono estremamente ambizioso. Quando ho parlato con l’allenatore sapevo di essere entrato nel club perfetto. Questa è una squadra davvero entusiasmante con così tanti grandi giocatori, posso promettere che lavorerò sodo ogni giorno per imparare da loro e dare tutto. Ho avuto il tempo di prepararmi per questo passaggio, sia fisicamente che mentalmente, e ho lavorato davvero duramente per essere pronto a fare il passo verso questo fantastico club. Aspetto questo momento dall’estate, lo staff tecnico è stato fantastico, da quando ho firmato siamo stati in contatto regolarmente e mi hanno già dato molti ottimi consigli”.

Chi è Amad Diallo

A soli 18 anni ha firmato un contratto che lo legherà allo United fino al 2025, con opzione per la stagione successiva. il suo nuovo allenatore, Solskjaer, nei giorni scorsi aveva detto apertamente di volere l’attaccante a disposizione quanto prima: “Seguiamo Amad da diversi anni e, dopo averlo osservato di persona, credo che sia una delle giovani promesse più interessanti. Il Manchester United ha una grande storia per la crescita dei talenti e siamo pronti a consentire ad Amad di esprimere tutto il suo potenziale con noi. Ci vorrà del tempo per adattarsi al calcio inglese, ma la sua velocità la sua visione di gioco e la fantastica capacità di dribbling lo aiuteranno ad accorciare i tempi. È un giocatore che ha tutte le caratteristiche per diventare un giocatore importante”. L’Atalanta, tramite il comunicato ufficiale pubblicato sul sito della società, ha raccontato anche la storia nerazzura dell’ivoriano ((fratello di Hamed Junior Traoré, calciatore del Sassuolo): “Arrivato a Bergamo da giovanissimo, Amad  ha subito mostrato in maglia nerazzurra le sue grandi qualità tecniche, contribuendo al raggiungimento di traguardi importanti come la conquista dei titoli nazionali con l’Under 15 e la Primavera (due scudetti e una Supercoppa), fino a completare il suo percorso di crescita arrivando a debuttare in Serie A con la prima squadra alla fine dell’ottobre 2019 nel match con l’Udinese, partita in cui tra l’altro è andato subito a segno. Per tutta la famiglia Atalanta è un motivo di grande orgoglio aver contribuito alla crescita e alla formazione di un ragazzo arrivato a Bergamo poco più che bambino e che ora potraà proseguire questa esperienza europea con il Manchester United, una delle squadre più blasonate al mondo. In bocca al lupo Amad per questa nuova sfida”.

Manchester United, Pogba sfoggia un nuovo look per il 2021

Guarda la gallery

Manchester United, Pogba sfoggia un nuovo look per il 2021

Precedente Schone: "Risoluzione col Genoa? E' stata la scelta migliore per tutti" Successivo Bologna, Soumaoro in città: arriva in prestito dal Lille

Lascia un commento