Champions: Inter, verso lo Sheriff con due dubbi a sinistra

Inzaghi torna ad affidarsi agli uomini che hanno giocato di più. Bastoni e Calhanoglu però potrebbero lasciare il posto a Dimarco e Vidal, per poi giocare dal 1′ nel derby

Dal nostro inviato Luca Taidelli

2 novembre – Appiano Gentile (Co)

Stanno tutti bene, ma in campo vanno comunque in undici e Inzaghi sta valutando ogni dettaglio prima di decidere la formazione da opporre allo Sheriff domani sera nell’incrocio decisivo per raggiungere gli ottavi di Champions. Rosa al completo nella rifinitura iniziata poco dopo le 10.30 ad Appiano. Prove tattiche difficili da interpretare, visto che il tecnico dopo il consueto torello ha diviso il gruppo in tre, facendo alternare in partitella varie situazioni di gioco. Non ci sarebbe però da stupirsi se venisse chiesto un doppio sforzo a 8-9 undicesimi. I due ruoli in cui, al netto di eventuali infortuni, potrebbe esserci turnover sono il “braccetto” di sinistra e la mezzala. Bastoni (l’unico dei tre dietro a non riposare tra Empoli e Udinese) potrebbe cedere il posto a Dimarco, che più difficilmente troverà spazio a tutta fascia, dove Perisic sta volando e dove sul fronte destro tornerà Darmian. Anche Vidal insidia Calhanoglu, che tornerebbe titolare domenica contro il suo passato.

A letto all’alba

—  

Inzaghi così potrebbe avere sempre in campo uno dei due “kicker”, chiamati a battere corner e punizioni per innescare le torri. In fondo proprio da calcio d’angolo sono arrivati due dei tre gol della vittoria dell’andata sullo Sheriff. La squadra dopo pranzo si è imbarcata per Chisinau, capitale della Moldavia, da dove, dopo 2 ore e mezza di volo insieme alla Primavera, impegnata in Youth League, proseguirà in pullman (altri 90′) per Tiraspol. Una trasferta non propriamente agevole, soprattutto pensando al ritorno che riporterà la comitiva a Malpensa non prima di domani nella tarda notte. Ci sarà comunque il tempo di dormire ad Appiano, fare allenamento di scarico e andare a casa per riposarsi in vista delle due sedute piene di venerdì e sabato.

Precedente L'Atalanta k.o. anche con lo United. E adesso si fa durissima Successivo Juve, con Rabiot si perde una partita su due: il disastro dei parametri zero

Lascia un commento