Castori: “Salernitana in crescita, aspettiamo Simy. Ribery è un esempio”

Le dichiarazioni del tecnico della Salernitana, Fabrizio Castori, alla vigilia della sfida dell’Arechi contro il Genoa

Giornata di vigilia per la Salernitana che, domani pomeriggio, affronterà all’Arechi il Genoa di mister Ballardini: reduce dal pareggio maturato in casa contro il Verona. Momento sicuramente più complicato per i granata, neopromossi, che nelle prime sei giornate hanno raccolto un solo punto, e per questo decisi ad invertire il proprio trend negativo. Lo sa bene il tecnico Fabrizio Castori, intervenuto nella consueta conferenza stampa pre-gara, per analizzare il momento vissuto dalla sua squadra e proiettarsi al prossimo impegno contro il Grifone.

“Pian piano ci stiamo convincendo che possiamo fare questa categoria, avvertiamo che ci manca soltanto un piccolo passo per abbinare il percorso di crescita ad una buona classifica. Andare alla sosta con un successo farebbe la differenza anche sul piano psicologico. Rendimento della squadra non ottimale? I panni sporchi si lavano in famiglia, i miei genitori mi hanno insegnato che le problematiche si affrontano parlandone nelle mura di casa. Io analizzo tutto, non sono una persona superficiale, ma non sarebbe corretto dire certe cose in pubblica piazza. La strada per tirarci fuori è lavorare quotidianamente. I risultati sono la panacea di ogni male, ma siamo consapevoli che stiamo crescendo. Vogliamo accelerare il processo di crescita, la vittoria mette a tacere tante chiacchiere”.

Castori si è poi soffermato su Simy: “Il ragazzo è molto serio, lo stiamo aspettando perchè un gruppo ha l’obbligo di spingere chi ha maggiori difficoltà. Sa bene che deve migliorare, insieme lo riporteremo nelle condizioni ottimali per consentirgli di fare ciò che sa. Vale quanto detto prima: basta veramente un lampo per sbloccarsi e ripartire”.

Inevitabile la parentesi relativa al modulo: “3-4-1-2 o 4-3-1-2? Anzitutto vorrei fare una precisazione. Gyomber in Nazionale gioca terzino destro, informatevi. Avete sempre detto che l’80% dei gol arrivavano dalla fascia destra, io cerco di lavorare per aggiustare le cose e criticate lo stesso?. I deficit difensivi possono essere compensati da un calciatore che ha grande esperienza. Poi avremo la sosta per insistere su alcuni concetti, magari per recuperare anche Veseli che, ricordo, è out da luglio. Non condivido i voti bassi a Gyomber, vorrei ricordare a tutti che marcava Boga che, in A, mette in grossa difficoltà i difensori di Milan, Inter e Juventus. E’ stato saltato una volta sola, non mi pare che la rete del Sassuolo nasca da un suo errore. Siamo reduci da una grande prestazione, con un centrocampista in più stiamo più alti e mettiamo Ribery nelle condizioni migliori per mostrare il suo valore”.

Chiosa finale su Ribery:” Certo, domani gioca. Poi non so quanto reggerà fisicamente, ma è un calciatore aggressivo che interpreta il ruolo alla grande. Dicono tutti che ha 38 anni, ma corre ed è encomiabile sotto tutti i punti di vista. Con due terzini più bloccati e un centrocampista in più riusciamo ad essere elastici ed armoniosi. Io, però, mi soffermo sul collettivo. Col Sassuolo ho visto grossi passi in avanti, avevamo contro gente campione d’Europa eppure li abbiamo aggrediti alti abbassandoci solo in conseguenza di qualche azione pericolosa di squadre di un certo livello”.

Precedente Ligue 1, Lens secondo dietro al Psg: 2-0 al Reims Successivo Zaccagni brucia le tappe: è già in campo con il pallone. E adesso...

Lascia un commento