Capitan Theo da 30 e lode: solo in tre meglio di lui. Con i complimenti del Venezia

“Sul rinnovo siamo a buon punto”, dice Hernandez, che diventa il primo difensore nella storia del Milan a firmare tre doppiette in Serie A. Tra gol e assist ha influito direttamente su 30 reti da quando è rossonero

Romagnoli, Calabria e Kjaer indisponibili, Kessie in Coppa d’Africa. Chi è il capitano del Milan a Venezia? Il numero 19, Theo Hernandez. Difficile onorare quella fascia azzurra al braccio meglio di così: due gol, la solita prova straripante in attacco e la concentrazione in fase difensiva dei giorni migliori (non è la specialità della casa, bisogna essere onesti). In coppia con Leao, Theo ha reso infernale il pomeriggio dei giocatori schierati da Zanetti sul lato destro del campo. Tanto che anche il Venezia, sul profilo Twitter ufficiale, ha reso sportivamente maggio alla prova del francese. Chapeau.

Che numeri

—  

Da dove cominciare, per inquadrare il pomeriggio di Theo in laguna? Le cifre sono sempre una buona base di partenza. I dati Opta segnalano la terza doppietta per Theo da quando è il Milan: nessun difensore rossonero ha mai fatto meglio in Serie A. Dall’estate 2019 a oggi – ovvero da quando Paolo Maldini l’ha convinto a lasciare Madrid – Theo ha già contribuito alla realizzazione di 30 gol del Diavolo: 17 gol e 13 assist. Considerando lo stesso arco temporale, solo tre giocatori hanno fatto meglio di lui nei top campionati europei: Alexander-Arnold, Hakimi e Gosens. Non una brutta compagnia, insomma.

Pericolo giallo

—  

I numeri, però, non sono tutto. Conta molto anche l’impressione che Hernandez dà in campo: “È più maturo e concentrato”, dice di lui Pioli, e i fatti lo stanno dimostrando. Sarà l’imminente paternità, o sarà semplicemente l’effetto dei tanti mesi trascorsi a Milanello, senza tirare in ballo ragioni extra-calcistiche: sta di fatto che Theo, oggi, è sembrato un capitano perfetto (“Sono orgoglioso che sia toccato a me indossare la fascia, sto bene e vogliamo mettere pressione all’Inter”, le sue parole a Sky a fine gara”) . Maldini, che qualcosina di terzini sinistri capisce, è raggiante nel vedere il suo pupillo rendere a questo livello. E qualche giorno fa, parlando ai Milan Clubs, ha manifestato il proprio ottimismo sul rinnovo, immaginando Theo tra le colonne del Milan di domani. Lui conferma: “Siamo a un punto molto buono, stiamo parlando”. Senza andare al futuro anteriore, c’è quello prossimo: il calendario del campionato dice Spezia e poi Juventus. Tonali ha preso un’ammonizione che gli farà saltare la sfida coi liguri, Hernandez lunedì dovrà evitare di fare altrettanto o salterà la super sfida coi bianconeri… la diffida pesa e va tenuta in considerazione, senza di lui Milan-Juve sarebbe tutta un’altra partita.

Precedente Diretta/ Napoli Sampdoria (risultato 0-0) video streaming tv: partenopei arrembanti! Successivo TMW - Padova, su Jelenic si muove la Reggiana. Sfida al SudTirol per lo sloveno

Lascia un commento